Sandra, l’orango dello zoo di Buenos Aires presto libera grazie al Tribunale che l’ha riconosciuta “persona non umana” privata della libertà

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Sandra potrebbe presto essere liberata dalla gabbia. La femmina di orango detenuta nello zoo argentino di Buenos Aires forse verrà trasferita in un santuario: è stata riconosciuta come “persona non-umana” illegittimamente privata della sua libertà da un tribunale.

Tutto è iniziato quando, nel mese di novembre, gli attivisti per i diritti animali hanno presentato una richiesta di ‘Habeas corpus”, più tipicamente usata per contestare la legittimità della detenzione di una persona. Nel sistema anglosassone di common law si indica con la locuzione latina l’ordine emesso da un giudice di portare un prigioniero al proprio cospetto, per verificarne le condizioni personali ed evitare una detenzione senza concreti elementi di accusa.

Sandra, nata in cattività in Germania 29 anni fa, prima di essere trasferita in Argentina, ha meritato i diritti fondamentali di una persona “non umano”. Da 20 anni era prigioniera nella stessa struttura in cui perse la vita il giorno di Natale di 2 anni fa Winner, l’orso polare che non ha resistito al troppo caldo dell’estate argentina e al frastuono dei fuochi d’artificio.

La possibile liberazione di Sandra è un riscatto anche per lui, così come per tutti gli altri esseri senzienti che sono ingiustamente e arbitrariamente privati della loro libertà in zoo, circhi, parchi acquatici e laboratori scientifici.

Si tratta, infatti, di una sentenza storica, che potrebbe aprire la strada per ulteriori azioni legali, come spiega l’Associazione dei funzionari e avvocati per i diritti degli animali (Afada). Ora lo zoo di Buenos Aires, che si rifiuta di commentare, ha 10 giorni lavorativi per fare appello.

Non è la prima volta che gli attivisti hanno cercato di utilizzare l”habeas corpus’ per ottenere la liberazione degli animali selvatici dalla prigionia. Nel 2011, negli Stati Uniti la PETA aveva intentato una causa contro il gestore del parco marino SeaWorld, relativa a cinque orche catturate in mare e trattate come schiave. Ma un tribunale di San Diego respinse la richiesta.

Roberta Ragni

Fonte e Photo Credit

Leggi anche:

I 7 zoo piu ‘tristi del mondo

La vera tragedia degli zoo e’ la cattivita’. Gli ultimi attimi di vita della giraffa Marius (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook