Salvata rara tartaruga verde trovata con plastica nello stomaco

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nylon, reti e un ricco assortimento di altri rifiuti di plastica: alcuni pescatori al largo della costa argentina vicino a Buenos Aires hanno salvato una tartaruga marina verde che aveva in pancia oltre 13 grammi di plastica. Anche lei, come milioni di altri animali degli oceani, aveva mangiato la spazzatura pensando che fosse cibo.

La piccola tartaruga verde (Chelonia mydas) è stata trovata letteralmente aggrovigliata nella rete di Roberto Ubieta, un pescatore di San Clemente del Tuyú, una città sulla costa atlantica dell’Argentina. Quando l’ha portata al centro di soccorso, i veterinari si sono subito accorti che la tartaruga era già in pericolo di vita

Pochi giorni dopo l’arrivo al centro, la tartaruga ha iniziato a far “esplodere” come piccoli pop corn tutta la spazzatura che aveva ingerito, compresi frammenti di sacchetti di nylon e plastica dura e i raggi X hanno poi rivelato che il povero animale aveva immondizia nel suo ventre, probabilmente perché aveva confuso la plastica con il suo cibo naturale, come meduse, erbe marine e vermi.

Pertanto, abbiamo iniziato un trattamento con un farmaco che favorisce i suoi movimenti peristaltici (movimenti del tratto digestivo) e consente di eliminare ciò che abbiamo osservato sulle lastre”, spiega Ignacio Peña, veterinario della Fondazione Mundo Marino.

In tutto, la tartaruga ha buttato fuori 13 grammi di residui plastici e ora sta decisamente molto meglio.

Oggi la tartaruga sta mangiando foglie verdi, principalmente lattuga e alghe”, racconta Peña.

Questa è la terza tartaruga portata alla fondazione quest’anno. Lo stesso pescatore ne aveva trovata un’altra verde morta il 12 gennaio su cui una necroscopia dimostrò che aveva anche delle materie plastiche nel suo sistema digestivo.

Gli animali che confondono la spazzatura con il cibo sono a rischio di morte. La spazzatura può bloccare meccanicamente il loro tratto digestivo, oltre a occupare spazio e riducendo quello per i pasti nutrienti.

tartaruga marina plastica

Inoltre, potrebbe essere generata una grande quantità di gas … [come] prodotto della plastica accumulata – ha dichiarato Karina Álvarez, biologa e responsabile della conservazione presso la Fondazione Mundo Marino. Il che influenzerebbe la loro capacità di immergersi e immergersi, sia per nutrire che per trovare temperature più adatte”.

La tartaruga verde, una delle più grandi tartarughe marine, si trova nelle acque tropicali e subtropicali. Questi animali sono in pericolo di estinzione, secondo l’Unione internazionale per la conservazione della natura, in gran parte a causa degli umani che depredano le loro uova e cacciano gli adulti.

Le tartarughe marine, e lo sappiamo purtroppo molto bene, non sono gli unici animali acquatici a confondere la spazzatura con il cibo. Facciamo in modo che il loro supplizio si fermi!

Leggi anche:

Foto

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per Greenme.it dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook