Caccia: domenica apre ufficialmente la stagione venatoria, ma già ci sono i primi incidenti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Domenica 20 settembre apre ufficialmente la stagione venatoria: ignorando i rischi sanitari derivanti dalla caccia e dalle prassi venatorie (uccisione, eviscerazione, dissanguamento di animali), le doppiette ricominceranno a uccidere milioni di animali, e continueranno fino al 31 gennaio prossimo, mentre in alcune regioni proseguirà fino al 10 febbraio. Ma non solo, già ci sono i primi incidenti.

Come sappiamo, la pandemia non ha fermato neanche la caccia e anche nella Fase 2, molte regioni italiane hanno emanato provvedimenti a favore delle attività venatorie. E già in questi giorni c’erano state delle aperture anticipate e numerosi incidenti, come quello accaduto a Petrioli dove un pensionato è stato ferito, ma per fortuna non è in pericolo di vita. Secondo una prima ricostruzione, l’uomo era in campagna per una battuta di caccia, ma un collega, probabilmente scambiandolo per un animale, gli ha esploso un colpo di doppietta in viso.
Il pensionato è riuscito comunque ad arrivare al pronto soccorso e salvarsi. Ma come ogni anno, questo è solo il primo di un lungo bollettino di guerra. E quest’anno ad aggravare la situazione c’è anche tutta la questione coronavirus.

“Dal punto di vista della diffusione di preoccupanti patologie, la caccia si conferma come un’attività a elevato rischio anche in occidente – spiega Massimo Vitturi, responsabile LAV, Animali Selvatici – un motivo in più per vietarla definitivamente, anche perché si tratta di un sanguinario passatempo per una risicata minoranza di cittadini italiani”.

Parlando di rischi sanitari, l’associazione afferma che “gli ungulati, ad esempio, sono portatori di numerosi agenti patogeni che possono dare origine a diverse zoonosi (Mycobacterium bovis, Brucella, Salmonella, Trichinella), come conferma uno studio effettuato dall’Istituto Zooprofilattico delle Venezie nel 2016. L’attività venatoria prevede il contatto diretto delle persone con gli animali selvatici e le sanguinose prassi venatorie comuni nelle regioni della nostra penisola richiamano alla mente rischi e orrori dei wet market orientali”.

Un allarme sanitario che si va a sommare al bilancio delle vittime: circa 500 milioni di animali all’anno vittime dei fucili, con danni incalcolabili per gli equilibri ambientali e per un ecosistema che deve fare i conti con il veleno di tonnellate di piombo delle munizioni da caccia, disperso tra i boschi.

“Un vero e proprio bollettino di guerra -spiega la Lav- che nell’ultima stagione di caccia conta anche 95 vittime umane, con 27 morti e 68 feriti”.

Leggi anche:

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook