@asturianu/123rf

Svolta storica nel Regno Unito! Polpi, aragoste e granchi riconosciuti come esseri senzienti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Polpi, granchi e aragoste provano sofferenze. A riconoscerlo, finalmente, è il Governo del Regno Unito, che ha annunciato che inserirà queste creature marine nell’elenco degli esseri senzienti da tutelare nel disegno di legge sul benessere animale. 

Nel Paese il dibattito sulla tutela dei crostacei e dei molluschi va avanti ormai da parecchio tempo, ma la svolta è arrivata grazie ad un rapporto pubblicato da un team di esperti della London School of Economics, che ha esaminato 300 studi scientifici per valutare le prove di sensibilità. Il documento ha utilizzato otto criteri per misurare il grado di “sensibilità” di queste creature marine, tra cui la capacità di apprendimento, il possesso di recettori del dolore, le connessioni tra i recettori del dolore e alcune regioni del cervello, la risposta ad anestetici o analgesici. 

Nel report si chiarisce che i cefalopodi (come polpi, calamari e seppie) e i decapodi (tra cui granchi, aragoste e gamberi) sono in grado di provare dolore e, di conseguenza, dovrebbero essere trattati come esseri senzienti al pari dei vertebrati (già oggetto di tutela nell’Animal Sentience Bill)

“La scienza ha chiarito che i decapodi e i cefalopodi possono provare dolore e quindi è giusto che siano coperti da questo fondamentale atto legislativo” ha dichiarato il ministro inglese per benessere degli animali Lord Zac Goldsmith. 

Al momento, però, si tratta ancora di un disegno di legge, quindi non ci saranno delle conseguenze immediate per i ristoranti (dove spesso vengono ancora bolliti vivi polpi e aragoste) e per i pescatori. Ma non appena verrà approvata la legge sarà istituito l’Animal Sentience Committee, che vigilerà sull’operato del Governo britannico in fatto di benessere animale. 

Quando un disegno di legge di legge di questo tipo anche in Italia (dove polpi e aragoste subiscono quotidianamente torture)? 

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Gov.Uk

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook