Registrato per la prima volta il canto di una delle balene più rare del Pianeta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo un lavoro durato più di otto anni, i biologi marini sono riusciti a registrate i canti di una delle balene più rare del pianeta, la balena franca del Pacifico.
A causa dell’azione dei cacciatori, esistono ancora solo 30 esemplari appartenenti a questa specie di balena nel Pacifico.

Il canto della balena franca del Pacifico

I biologi marini della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) hanno registrato per la prima volta il canto della balena franca nordpacifica (Eubalaena japonica), una delle balene più rare del pianeta. A causa dell’azione dei cacciatori, esistono purtroppo ancora solo 30 esemplari di balena di questa specie nel Pacifico. La balena franca si muove lentamente ed è facile da cacciare e, sebbene dal 1935 rientri tra le specie protette, la caccia illegale non si è fermata, portando la specie alla soglia dell’estinzione.

Le balene sono note per emettere suoni, ma il canto di questa specie non era mai stato registrato fino ad ora. Nel 2010, i ricercatori della NOAA hanno notato strani schemi sonori che non riuscivano a identificare e hanno pensato potesse trattarsi della balena franca.

Sono seguiti otto anni di registrazioni in cinque zone differenti al largo della costa sud-occidentale dell’Alaska, per cercare di incidere il canto della balena franca. Nel 2017, finalmente la svolta. I ricercatori sono riusciti ad ascoltare una delle balene in tempo reale dai registratori posti sulle boe. La biologa marina Jessica Crance, che ha lavorato al progetto, ricorda che:

“È stato fantastico avere la conferma che si trattasse del canto della balena franca: era un maschio a cantare” Probabilmente i maschi cantano per cercare di attirare una femmina:
“Con solo 30 animali, trovare un compagno deve essere difficile”, ha proseguito Crance.

I biologi sono riusciti a incidere due canti distinti, simili a delle canzoni. Le balene franche producono infatti una varietà di suoni: alcuni somigliano a colpi o spari, altri a gorgheggi, lamenti o urla. Per trasformarsi in una canzone, i canti delle balene devono contenere una serie di schermi sonori ripetuti. Come spiega Crance, le canzoni di queste balene sono:

“Una serie di suoni riprodotti in modo stereotipato e regolare che vengono ripetuti più e più volte”.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit NOAA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook