I 14 Pinguini tornati in libertà, il commovente ritorno in natura

Registrato per la prima volta il canto di una delle balene più rare del Pianeta

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo un lavoro durato più di otto anni, i biologi marini sono riusciti a registrate i canti di una delle balene più rare del pianeta, la balena franca del Pacifico.
A causa dell’azione dei cacciatori, esistono ancora solo 30 esemplari appartenenti a questa specie di balena nel Pacifico.

Il canto della balena franca del Pacifico

I biologi marini della National Oceanic and Atmospheric Administration (NOAA) hanno registrato per la prima volta il canto della balena franca nordpacifica (Eubalaena japonica), una delle balene più rare del pianeta. A causa dell’azione dei cacciatori, esistono purtroppo ancora solo 30 esemplari di balena di questa specie nel Pacifico. La balena franca si muove lentamente ed è facile da cacciare e, sebbene dal 1935 rientri tra le specie protette, la caccia illegale non si è fermata, portando la specie alla soglia dell’estinzione.

Le balene sono note per emettere suoni, ma il canto di questa specie non era mai stato registrato fino ad ora. Nel 2010, i ricercatori della NOAA hanno notato strani schemi sonori che non riuscivano a identificare e hanno pensato potesse trattarsi della balena franca.

Sono seguiti otto anni di registrazioni in cinque zone differenti al largo della costa sud-occidentale dell’Alaska, per cercare di incidere il canto della balena franca. Nel 2017, finalmente la svolta. I ricercatori sono riusciti ad ascoltare una delle balene in tempo reale dai registratori posti sulle boe. La biologa marina Jessica Crance, che ha lavorato al progetto, ricorda che:

“È stato fantastico avere la conferma che si trattasse del canto della balena franca: era un maschio a cantare” Probabilmente i maschi cantano per cercare di attirare una femmina:
“Con solo 30 animali, trovare un compagno deve essere difficile”, ha proseguito Crance.

I biologi sono riusciti a incidere due canti distinti, simili a delle canzoni. Le balene franche producono infatti una varietà di suoni: alcuni somigliano a colpi o spari, altri a gorgheggi, lamenti o urla. Per trasformarsi in una canzone, i canti delle balene devono contenere una serie di schermi sonori ripetuti. Come spiega Crance, le canzoni di queste balene sono:

“Una serie di suoni riprodotti in modo stereotipato e regolare che vengono ripetuti più e più volte”.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit NOAA

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Instagram

Seguici anche su Instagram, greenMe sempre a portata di mano

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook