Apopo, i ratti eroi che fiutano le mine e la tubercolosi (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I ratti sono normalmente considerati come animali pericolosi, sporchi e nocivi. In reatlà, queste intelligentissime creature possono essere veri e propri eroi troppo. Lo dimostra APOPO, una ONG belga che allena i ratti giganti africani a fiutare mine antiuomo e tubercolosi.

Dal 2006, questi “topi eroi” hanno lavorato su campi minati in Mozambico, aiutando a trovare oltre 13.000 mine e risanando in tal modo oltre 11 milioni di metri quadrati di terreno. Hanno anche accuratamente analizzato più di un milione di campioni di sangue per le infezioni di tubercolosi.

Bart Weetjens, fondatore di APOPO, ha avuto l’idea di farsi aiutare dai ratti e dal loro grande fiuto quando era uno studente presso l’Università di Anversa. Aveva l’abitudine di tenere i roditori da compagnia e sapeva che erano animali socievoli e intelligenti. Così ha deciso di usare la sua esperienza nel trattare i roditori per trovare una soluzione al problema delle mine.

E aveva ragione. Il gigante africano si è dimostrato più veloce degli esseri umani con metal detector. E sono almeno un chilo più leggeri del peso minimo richiesto per far scattare le mine. Perché APOPO si prende cura dei suoi ratti eroe: ci sono stati zero vittime finora, nessun topo morto né ferito durante “il servizio”.

Ad APOPO anche i topi che non riescono a scovare le mine sono utili: vengono addestrati a fiutare i campioni umani, per raccogliere le tracce della tubercolosi. I campioni che arrivano da varie parti della nazione, vengono prima trattati termicamente per uccidere i patogeni. Poi vengono spediti in un laboratorio convenzionale. Se i test danno esito negativo per la tubercolosi, sono dati ai topi, in grado di rilevare anche i casi di tubercolosi non diagnosticati. Se due ratti identificano un problema nel campione, allora viene riesaminato in laboratorio.

Secondo APOPO, i ratti hanno rilevato 7.000 casi di tubercolosi non rilevati da test convenzionali. Questo ha potenzialmente fermato 24.000 infezioni, e aumentato i tassi di rilevamento del 45%. L’utilità dell’olfatto dei ratti nei test medici ha suscitato l’interesse della comunità medica. I ricercatori ora sono interessati a capire se le creature possono essere utilizzati per fiutare per il cancro, proprio come i cani.

Roberta Ragni

Leggi anche:

Frankie, il cane che annusa i tumori

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook