Il randagio scambiato per immondizia ritorna alla vita dopo una trasformazione choc (FOTO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Impossibile riconoscerlo. Lo hanno scambiato per un mucchio di immondizia e per un vecchio giocattolo rotto. È la triste storia di un randagino trovato per le strade di Montreal, così sporco e con il pelo talmente arruffato da rendere impossibile identificarlo come un animale (per non parlare di un cane).

La sua pelliccia era talmente ricoperta di sporcizia e sudiciume che i suoi soccorritori ci hanno messo un po’ a realizzare che si trattava di un essere vivente. I volontari hanno stimato che oltre il 50 per cento della massa informe che stavano guardando era pelliccia da tagliare.

Raccolto dalla Quebec Society for the Protection of Animals, è stato subito lavato e rasato, in una delle più shoccanti trasformazioni mai viste. Sotto quell’orrore c’era un dolcissimo e bellissimo quattrozampe, anche se l’operazione si è rivelata più difficile di quanto immaginato.

cane pelo2

cane pelo 3

cane pelo5

cane pelo6

Accade solo in Canada? I Canadesi sono incivili? Prima di sparare a zero, sarebbe il caso di farsi un giro nelle nostre campagne e nei posti più abbandonati di Italia, dove solo grazie a coraggiosi volontari i randagi possono avere una speranza. E dove scene di questo tipo, purtroppo, non sono cosi inusuali, anzi.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Cane giraffa: il randagio maltrattato di Bagheria con una molla di plastica al collo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Telepass

Telepass: quante emissioni fa risparmiare non fare la fila al casello?

Coripet

Meno plastica con le bottiglie realizzate in PET riciclato, Bottle to Bottle di Coripet premia te e l’ambiente

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook