Ragusa, caldo record fa strage di rondoni. Oltre 700 caduti dagli alberi collassati, servono volontari per salvarli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I rondoni hanno bisogno di noi per sopravvivere! A Ragusa centinaia di esemplari sono collassati dai loro nidi a causa del caldo record e della disinfestazione. Adesso il collettivo RagusAttiva è alla ricerca di volontari per prendersi cura di loro e sfamarli per poi rilasciarli in natura

Le temperature roventi di questi ultimi giorni stanno mettendo a dura prova non solo gli esseri umani, ma anche tantissimi animali, specialmente quelli che popolano le nostre città. In alcune aree della Sicilia sono stati superati i 40° C e a Ragusa sono oltre 700 i rondoni caduti dai nidi, letteralmente collassati, per via del caldo record e delle attività di disinfestazione selvaggia. E molti di questi sono anche finiti sotto le ruote delle macchine, rischiando di morire schiacciati.

Per fortuna a prendersi cura di loro ci sta pensando un’associazione del territorio e decine di volontari. Ma sono davvero troppi i rondoni da curare e sfamare. Per questo gli attivisti hanno lanciato un appello urgente, chiedendo ai cittadini ragusani di unirsi a loro per salvare gli uccelli caduti dagli alberi della città.

“Abbiamo avuto una crescita esponenziale di caduta di rondoni per il caldo, ma soprattutto per la disinfestazione selvaggia. – spiega in un volontario – Se trovate un piccolo rondone per terra, la prima cosa da fare è idratarlo sotto un filo d’acqua e portarlo nella nostra struttura, dove vengono alimentati esclusivamente con insetti arricchiti con vitamina B. Non date loro carne, pane o crocchette per cani e gatti. Qui vengono alimentati uno per uno oltre 700 esemplari. Ci occorrono le vostre mani e vi chiediamo di venire a donare un quarto d’ora, mezz’ora del vostro tempo e fare un’esperienza straordinaria dolcissima perché da soli non riuscirebbero a cavarsela. Dopo verranno rilasciati in natura.”

I rondoni hanno bisogno del nostro aiuto per tornare a volare! Chi vive in provincia di Ragusa, può offrire il suo aiuto recandosi dalle 8.30 alle 21.00 alla sede dell’Associazione in via Ingegnere Migliorisi, 41. 

Fonte: Facebook

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Per la rivista Sicilia e Donna si è occupata principalmente di cultura e interviste. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook