Processionaria, è tornata: perché sparare ai nidi non serve!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le processionarie tornano a farsi vive in parchi e giardini e sono particolarmente temute in quanto mettono seriamente a rischio la salute, soprattutto degli animali. Un comune del Piemonte, pensando di risolvere il problema in modo drastico, ha deciso di dare la possibilità di sparare ai nidi. Noi invece vi spieghiamo perché questa pratica è inutile e pericolosa.

A tutti voi sarà capitato di notare quei bruchi pelosi che camminano in fila indiana come se fossero in processione (da qui il nome di processionaria). Apparentemente innocui, in realtà questi animali sono dotati di una peluria che è fortemente urticante e pericolosa per le gravi reazioni che può scatenare soprattutto sui cani portandoli, nei casi più gravi, anche alla morte. La processionaria risulta irritante anche per l’uomo che, se vi entra in contatto, vede comparire arrossamenti, vescicole e bolle.

Ad Arguello, comune della provincia di Cuneo, zona in cui il problema processionarie è molto serio, il sindaco ha emesso un’ordinanza che permette di sparare ai nidi sugli alberi. Per fare questo c’è bisogno ovviamente di una licenza speciale che sarà concessa solo a chi ha il porto d’armi. La possibilità di sparare è finalizzata ad uccidere le larve togliendogli la calda protezione del nido prima che possano trasformarsi nei tanto temuti bruchi.

Ma è davvero questo il modo di tenere a bada la processionaria del Pino? La risposta è no. Sparare ai nidi di questo animale è una pratica pericolosa e nella maggior parte dei casi anche inutile. Distruggere parti dei nidi con le munizioni da caccia non è infatti sufficiente a far sì che le larve rimangano per il tempo necessario a temperature basse in grado di ucciderle. Inoltre, gli spari, possono fare sì che si disperdano nell’ambiente i peli urticanti contenuti nel nido.

La lotta alla processionaria è obbligatoria e regolamentata da un Decreto Ministeriale. Quello che si può fare per combatterla è agire già dall’inverno asportando i nidi (operazione estremamente delicata che va fatta da personale specializzato e mai improvvisandosi) mentre alla fine dell’estate si possono impiegare insetticidi biologici come il Bacillus thuringiensis var. kurstaki, del tutto innocuo per uomini e animali.

processionaria

Precauzioni

Le precauzioni che tutti dovremmo avere sono:

  • Autunno e inverno: non avvicinarsi ai nidi o alle larve, evitando anche di sostare sotto le piante che ne sono infestate
  • Primavera: evitare di avvicinarsi ai bruchi, di raccoglierli o ucciderli
  • Non tentare di distruggere i nidi con mezzi artigianali
  • Lavare abbondantemente prodotti ortofrutticoli raccolti in prossimità degli alberi infestati

Facciamo anche particolare attenzione a dove portiamo a correre i nostri cani per evitargli spiacevoli incontri. Altre informazioni utili che riguardano le processionarie le trovate in questo opuscolo informativo.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook