Ecco la Polizia per i diritti degli animali in Norvegia. E in Italia?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Mentre in Italia si smantella il Corpo forestale, in Norvegia si sta sperimentando la polizia per i diritti degli animali. L’assorbimento della Forestale in un’altra forza di Polizia ha incassato il sì del Senato qui in Italia. Ma fuori dai nostri confini come siamo messi quanto a tutela degli animali?

Molto bene in Norvegia, dove sta nascendo un’unità di polizia specifica per indagare sulla crudeltà verso gli animali. La polizia della contea occidentale di Sor-Trøndelag nominerà tre persone – un investigatore, un esperto legale e un coordinatore – per combattere gli abusi sugli animali, sostenendo che chi fa male gli animali spesso danneggia anche le persone.

Nel 2014, 38 casi di maltrattamento di animali sono stati segnalati alla polizia in Norvegia. Secondo la legge norvegese, gli atti di maltrattamento degli animali portano a una pena massima di tre anni di carcere. Simili unità di polizia per i diritti degli animali operano anche nei Paesi Bassi e in Svezia. L’obiettivo è aiutare gli animali e combattere, allo stesso tempo, i crimini e gli attacchi contro le persone.

È lo stesso motivo per cui torturare e uccidere gli animali sara’ un crimine punito pesantemente dalla legge negli Stati Uniti, con una propria categoria, come omicidio, incendio doloso o aggressione. I giovani che torturano e uccidono gli animali, infatti, diventano sono inclini alla violenza contro le persone. Lo dicono gli studi e la storia.

immagine

Jeffrey Dahmer, il cannibale di Milwaukee, aveva impalato teste di cani, rane e gatti su bastoni; David Berkowitz, conosciuto con i soprannomi ‘Son of Sam’ o ‘.44 Caliber Killer’, avvelenò il pappagallino di sua madre; Albert DeSalvo, lo “strangolatore di Boston”, intrappolava cani e gatti in casse di legno e li uccideva sparando frecce.

Roberta Ragni

Leggi anche:

I crimini sugli animali: per l’FBI diventano reati alla stregua di omicidio e incendio doloso

Maltrattamenti sugli animali: commessi da oltre il 14% degli adolescenti italiani

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook