Happy Feet sta bene: operato il pinguino smarrito che ha mangiato sabbia invece che neve

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La scorsa settimana lo hanno ritrovato, stremato e assetato, che vagava lungo le coste della Nuova Zelanda: il pinguino Imperatore dell’Antartico, nella sua fase migratoria verso la propria casa, ha sbagliato strada e ha percorso invano oltre 4.000 chilometri.

Stordito, non solo dalla distanza percorsa, ma anche dal cambio climatico, Happy Feet (questo il nomignolo attribuito al pinguino dall’omonimo film di animazione 3D) ha mangiato la sabbia che ha trovato nel nuovo habitat, scambiandola per neve, nel tentativo di idratarsi.

Per fortuna, è stato soccorso in tempo da una équipe di veterinari che lo hanno subito operato: con un’endoscopia, operazione solitamente dedicata agli umani, i medici hanno inserito una videocamera nell’intestino dell’animale e lo hanno lavato rimuovendo tutta la sabbia che il pinguino aveva ingerito nel tentativo di idratarsi.

Tutto è andato per il meglio: l’operazione è riuscita completamente e il pinguino è ora in convalescenza, ma prima di ritornare al suo habitat dovrà attendere circa tre mesi. Secondo Kate Baker, una delle responsabili dello zoo di Wellington, ci vorrà un po’ di tempo prima che il pennuto possa riprendersi, ma intanto verrà nutrito con del pesce frullato.

A questo punto però, sorge spontanea una considerazione: se un pinguino sbaglia strada, perde l’orientamento e arriva a mangiare sabbia invece che neve, non sarà un chiaro segnale di errore per l’uomo? È necessaria un’inversione di rotta!

Verdiana Amorosi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook