Piccioni: a Comocaccia aperta! Arruolati 80 cecchini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Como, un vero e proprio sterminio autorizzato dei piccioni, per il quale la Provincia ha arruolato 80 cacciatori. Ottanta cecchini pronti a colpire i malcapitati volatili comaschi colpevoli solo di volare.

Per questo l’Assessore alla caccia, che per uno strano scherzo del caso si chiama Mario Colombo, ha pensato, probabilmente, che una soluzione sarebbe stata quella di farli fuori: “Sono migliaia e infestano stalle e magazzini. Oltre a distruggere i campi danneggiando i raccolti, creano anche problemi igienici” ha detto.

E così l’amministrazione, attraverso l’assessorato alla Caccia, ha promosso un corso di formazione per il rilascio del patentino di coadiutore nel controllo numerico del piccione, già conseguito da 80 cecchini/cacciatori.

Ma Colombo, l’assessore, dopo le proteste degli animalisti ha corretto un po’ il tiro spiegando che è pure vero che gli abbattimenti ci saranno, ma avranno uno scopo “dissuasivo”. A suo dire infatti, la speranza è che i pover volatili “venendo continuamente disturbati dalla presenza umana, decidano di allontanarsi dai campi almeno fino a quando i semi saranno germogliati“.

Aria ragazzi, a suon di doppiette. Continua Colombo:Il problema principale è comunque rappresentato dall’animale uomo. In montagna non c’è un sovrappopolamento di piccioni perché là la specie si autoregolamenta in maniera naturale. Nelle città e nelle pianure molto abitate, invece, si trova molto più cibo e di conseguenza proliferano piccioni, ratti e scarafaggi. Ci lamentiamo delle specie infestanti, ma in realtà la più infestante di tutte è la nostra“.

Ma secondo l’assessore, si è trattata di una misura frutto di anni di riflessione e di segnalazioni da parte degli agricoltori. Proprio a causa degli eccessivi danni da essi lamentati, la Provincia ha deciso per una soluzione drastica. Chiaramente c’è anche il risvolto economico: “Ogni volta che piccioni, cinghiali e cervi causano problemi alle coltivazioni la Provincia deve intervenire e rimborsare le perdite. Questo incide notevolmente sul bilancio – continua Colombo – E oltre all’aspetto economico, non bisogna trascurare quello igienico“.

La colpa, come sempre, è dell’uomo. Colombo, almeno questo, sembra averlo riconosciuto. E intanto i piccioni hanno le ore contate. Per far quadrare i bilanci pubblici.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook