L’orrore degli allevamenti di struzzi che diventano borse e portafogli (FOTO E VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Nuova indagine che testimonia il maltrattamento degli animali negli allevamenti. Questa volta si tratta degli struzzi le cui piume e la pelle vengono utilizzate per realizzare borse, scarpe e accessori da prestigiosi marchi della moda. Peta, l’associazione internazionale per la protezione degli animali, ha svelato, grazie ad un’indagine, cosa si cela dietro l’industria della macellazione di struzzi.

I giovani uccelli (che hanno appena compiuto un anno) subiscono atroci crudeltà prima di poterne sfruttare la pelle per Hermès, LVMH, Prada e altre grandi case di moda europee. Non vengono risparmiati neppure i cuccioli di pochi giorni, piccoli, teneri e pregiati, che non vedranno mai i propri genitori dato che devono essere subito utilizzati per realizzare portafogli.

struzzi2 indagine

L‘indagine, condotta da Peta Us è riuscita ad entrare nei macelli sudafricani gestiti dai due più grandi produttori di struzzi al mondo, i quali forniscono più del 85% di tutti i prodotti di struzzo a livello globale. In questi luoghi dell’orrore gli animali prima vengono tenuti in sporchi recinti, poi subiscono shock elettrici e sono picchiati, uccisi, spennati e scuoiati con atroce crudeltà.

struzzi3 indagine

struzzi4 indagine

Gli investigatori Peta Us hanno realizzato delle video riprese assolutamente scioccanti all’interno degli allevamenti e nel mattatoio. Vi avvisiamo, le immagini sono molto forti (io stessa non sono riuscita ad arrivare in fondo al video) se siete molto sensibili evitate di sottoporvi ad una vera e propria tortura per la vostra anima. Dovrebbero vederle invece molto attentamente tutti coloro che acquistano le borse e gli altri oggetti in pelle di struzzo dei marchi incriminati.

ATTENZIONE, IMMAGINI FORTI:

Dopo quanto visto e documentato, PETA chiede a Hermès, Prada e agli altri brand di moda di interrompere subito la produzione e la vendita di articoli che si servono di pelle di struzzo e di altri animali esotici. L’esortazione è anche nei confronti dei consumatori che dovrebbero smettere di acquistare questi oggetti di cattivo gusto e che fomentano lo sfruttamento degli animali.

Ma perché ancora tanta crudeltà? Abbiamo davvero bisogno di creare un mare di sofferenza per avere una borsa, un portafoglio o un paio di scarpe firmate?

Francesca Biagioli

Leggi anche:

ORRORE HERMÈS: COCCODRILLI SGOZZATI PER DIVENTARE CINTURINI DI OROLOGIO (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook