Rosario, il pappagallo “da guardia” che sventa il furto in un negozio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Rosario è un perfetto pappagallo “da guardia”. Già, avete capito bene: non un cane, non un gatto e nemmeno un impianto di allarme. È proprio un pennuto “parlante” ad aver messo in fuga un ladro entrato in un negozio di animali di Oregina, vicino a Genova, per tentare un furto. Come? Colpendo con il suo poderoso becco la mano del malvivente, tanto da procurargli una profonda ferita al braccio che lo ha fatto scappare in fretta e furia.

All’interno de “Il Paradiso dei Cuccioli”, in via Vesuvio, probabilmente era proprio Rosario, ribattezzato ormai da tutti giornali il “pappagallo da guardia”, il bottino più ambito, perché si tratta di un raro esemplare esotico che avrebbe potuto fruttare diverse centinaia di euro, un cenerino. Ovviamente di essere “rubato” il pappagallo non voleva saperne. Forse è per questo che ha “beccato” l’uomo, facendolo fuggire solo con una scatola di antiparassitari e qualche spicciolo. Oltre a un braccio insanguinato che ha lasciato tracce per tutto il negozio.

Ovviamente i pappagalli non sono solitamente pericolosi o particolarmente aggressivi con gli umani, ma possono essere molto territoriali. In natura e in cattività proteggono istintivamente il loro territorio dall’intruso. E l’unico modo, o meglio, il modo migliore, per allontanarlo, è beccarlo. Molti pappagalli, però, beccano anche per paura, magari in presenza di un’atteggiamento molto aggressivo nei loro confronti, scatenando il loro istinto di sopravvivenza. In natura, infatti, essendo delle prede, volerebbero via.

A scoprire il tutto è stato successivamente il proprietario, che ha subito allertato la polizia. “Meno male che c’era Rosario! Il danno come ho denunciato alla polizia è il fondo cassa e alcune confezioni di anti parassitari”, racconta Roberto Damico, spiegando come il suo Rosario sia rimasto stressato dall’episodio: ‘ho trovato tremante, sotto choc. C’erano piume da tutte le parti, l’ala la muove poco, lo porterò subito dal veterinario”.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook