A 15 anni, spezza le ali a due pappagallini per scattare una foto ricordo con i turisti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Gli aveva spezzato le ali per impedirgli di volare, per questo un ragazzino di 15 anni di Noto, in Sicilia è stato denunciato per maltrattamento di due pappagallini.
Il ragazzino cercava di convincere i turisti in strada a fare una foto ricordo con i due pappagallini che rimanevano buoni perché erano stati appunto mutilati. La polizia lo ha intercettato in corso Vittorio Emanuele, proprio mentre importunava delle persone promettendo loro uno scatto in cambio di spiccioli.

I due sfortunati animali, non solo costretti a vivere in gabbia, ma anche privati di una parte fondamentale del loro corpo, erano spaventati e in sofferenza anche per via del traffico e dei rumori.
Non è la prima volta che parliamo di maltrattamenti nei confronti dei animali che sempre più spesso, vengono trattati come oggetti e non come esseri viventi.

I papagallini sono stati adesso affidati ai medici veterinari dell’Asp, mentre per il ragazzino è scattata la denuncia da parte degli agenti del Commissariato di Polizia, impegnati nei controlli contro l’abusivismo commerciale.

Fonte: Siracusa Oggi

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook