@wildlifeSOS/Facebook

In India il primo ospedale per curare gli elefanti maltrattati dai circhi (e non solo)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ci sono elefanti che erano sfruttati al circo, quelli feriti dai bracconieri, con disabilità e vittime di malnutrizione. In India a Uttar Pradesh, c’è un centro veterinario molto speciale, il Wildlife SOS Elephant Hospital che cura i pachidermi e quando possibile, gli restituisce la libertà.

Chi arriva in questo ospedale speciale è una vittima di sfruttamento o maltrattamento. L’organizzazione senza scopo di lucro, la Wildlife SOS, è stata fondata nel 1995 e ha già salvato centinaia di animali.

Lo scopo di questo centro è quello di riabilitare animali orfani, feriti, sfollati o sfruttati dall’uomo che vengono qui curati e rimessi in libertà. Quando non è possibile, come nel caso di esemplari cresciuti dentro una gabbia, il centro offre degli spazi idonei in aree adibite a santuario.

Tigri, orsi e non solo

Il centro era già conosciuto per prestare soccorso a tigri, orsi e tartarughe, ma da novembre 2018 c’è un sostegno in più offerto agli elefanti. Sono già stati salvati 26 pachidermi da attrazioni turistiche come circhi e templi. Come sappiamo, gli elefanti sono animali sociali, che hanno bisogno del sostegno del gruppo, per questo vivere in gabbia o in solitudine, provoca loro disturbi permanenti.

Quindi oltre ai maltrattamenti fisici dovuti all’addestramento, in questo centro si cerca di riabilitare anche l’aspetto emotivo e sociale. I veterinari valutano come cambiare la vita dell’animale.

La maggior parte degli elefanti è in cattive condizioni fisiche a causa di anni di abbandono e malnutrizione, per questo l’ospedale è stato appositamente progettato anche per pachidermi con disabilità o in età molto avanzata.

Holly da ‘mezzo di trasporto’ al Santuario

Tra quelli salvati c’è anche Holly che fino a qualche tempo fa veniva usata come mezzo di trasporto per i turisti. L’elefantessa è stata sequestrata a un privato cittadino che gestiva un business turistico. Holly è cieca e il suo corpo era ricoperto da ascessi cronici non curati, era malnutrita e con l’artrite alle zampe posteriori.

Adesso sta ricevendo tutte le cure mediche possibili e una volta riabilitata sarà spostata o nel Centro di conservazione e cura per gli elefanti di Mathura o nel Centro di soccorso per gli elefanti di Yamunanagar.

Fonte: Wildlife SoS

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook