Non solo canguri e koala: la strage silenziosa degli ornitorinco a causa degli incendi in Australia

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

L’ornitorinco è una delle vittima silenziose della siccità e degli incendi in Australia. L’associazione Aussie Ark, che si occupa di tutelare la fauna selvatica, ha visitato le aree maggiormente minacciate dal fuoco in cui vivono gli ornitorinchi, facendo orribili scoperte.

L’ornitorinco abita negli ecosistemi lungo la costa orientale australiana in cui si sono verificati numerosi incendi e si affida al sistema fluviale per l’approvvigionamento di acqua e cibo.

Questa specie sta soffrendo incredibilmente degli effetti catastrofici degli incendi, oltre a quelli legati alla siccità, alla crisi climatica e all’estrazione di acqua non regolamentata nel territorio.

Durante un sopralluogo, lo staff dell’associazione ha trovato due esemplari ormai privi di vita e altri cinque in gravi condizioni, constatando la terribile situazione degli ornitorinchi: migliaia, se non decine di migliaia di ornitorinchi, sono probabilmente morti negli incendi.

L’ornitorinco, una delle specie simbolo dell’Australia, è un animale unico e meraviglioso ormai introvabile nel resto del mondo.

“Il numero di ornitorinco in natura era già in declino e le popolazioni attuali saranno state catastroficamente e forse irreversibilmente colpite da incendi e siccità”, sottolinea Aussie Ark.

Perdere questi animali è devastante ed è importante cercare di salvare il maggior numero possibile di ornitorinchi, così come avviene per i koala e altre specie a rischio come l’echidna istrice l’echidna dal becco lungo della Nuova Guinea.
Si tratta di specie sopravvissute allo stato selvatico nonostante le avversità, ma che in seguito alle condizioni catastrofiche attuali, ora rischiano di scomparire.

Oltre all’Aussie Ark, diverse associazioni tra cui l’Australian Reptile Park sono attualmente impegnate nel soccorrere e liberare numerosi ornitorinchi in acque profonde, ma alcuni esemplari hanno bisogno di cure prima di poter essere rilasciati.

I membri di tali organizzazioni continuano a monitorare e a intervenire in caso di necessità, per garantire un futuro agli ornitorinchi, ma hanno bisogno dell’aiuto e del sostegno delle autorità e della cittadinanza anche attraverso donazioni per assicurare cure veterinarie agli animali.

https://www.facebook.com/watch/?v=2685131281714417

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook