La Nuova Zelanda riconosce gli animali come ‘esseri senzienti’

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

La Nuova Zelanda ha appena compiuto un enorme passo avanti per il benessere degli animali riconoscendoli legalmente come esseri “senzienti”.

La nuova legge stabilisce ufficialmente che gli animali, come gli esseri umani, sono esseri “senzienti”, nel senso che sono in grado di percepire e sentire cose.

“Dire che gli animali sono “senzienti” vuol dire affermare esplicitamente che possono vivere emozioni sia positive che negative, compresi il dolore e l’angoscia”, ha dichiarato la dott.ssa Virginia Williams, presidente del Comitato Nazionale Animal Ethics Advisory. “Questo importantissimo riconoscimento segna un altro passo nel cammino del benessere degli animali”.

Il disegno di legge, spiega Animal Equality, vieta anche l‘utilizzo degli animali per la sperimentazione di prodotti cosmetici e prevede anche un sistema di classificazione delle pene più o meno severe, dando agli ispettori che controllano il benessere animale la possibilità di presentare rapporti di conformità o meno con la legge.

“Che gli animali abbiano emozioni simili alle nostre lo vediamo tutti i giorni. Vivono l’ansia da separazione e mostrano sofferenza. E questo è un sentimento quasi umano. La stessa cosa accade quando vediamo animali trascurati e che hanno problemi di benessere. Soffrono molto per questo. Lo si può vedere nei loro occhi. È molto triste, davvero”, ha aggiunto la direttrice del Nelson SPCA – l’ente protezione animali neozelandese.

Il disegno di legge è uno strumento che fornisce maggiore chiarezza, trasparenza e migliore applicabilità delle leggi sul benessere degli animali. Ed è solo uno degli ultimi atti in favore degli animali per il Paese, che nel 2012 si era unita con l’Australia contro la caccia alle balene.

“La percezione del benessere degli animali sta cambiando rapidamente e le pratiche che un tempo erano all’ordine del giorno per gli animali domestici e di allevamento non sono più accettabili o tollerate. Il disegno di legge porta la legislazione in linea con il mutato atteggiamento della nostra nazione sullo stato degli animali nella società“, conclude il Presidente dell’Associazione Veterinari della Nuova Zelanda, il dottor Steve Merchant.

Quando anche l’Italia seguirà questo straordinario esempio?

Roberta Ragni

Leggi anche:

Sandra, l’orango dello zoo di Buenos Aires presto libera grazie al Tribunale che l’ha riconosciuta “persona non umana” privata della libertà

Ecco la Polizia per i diritti degli animali in Norvegia. E in Italia?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook