È morta Dakshayani, l’elefantessa più vecchia del mondo tenuta in cattività

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Si chiamava Dakshayani, ma era nota a tutti anche come Gaja Muthassi, o nonna elefante. È morta in questi giorni in India l’elefantessa tenuta in cattività più vecchia al mondo.

L’esemplare era ritenuto il più vecchio al mondo tra quelli tenuti in cattività e si trovava in India dove è morto la scorsa settimana alla veneranda età di 88 anni. Il suo è un caso più unico che raro dato che generalmente gli elefanti in cattività vivono in media 40 anni.

Dakshayani è riuscita però a superare anche il precedente detentore del Guinness World Record, Lin Wang, elefante tenuto in cattività nello zoo di Taiwan e morto a 86 anni nel 2003.

L’anziana elefantessa viveva in prossimità del tempio Chengallur Mahadeva nello stato del Kerala, nel sud dell’India, e aveva preso parte a molti rituali, processioni e cerimonie varie tra cui matrimoni, ma non negli ultimi 3 anni dato che era troppo vecchia e non riusciva bene a muoversi. Proprio per la sua anzianità, negli anni si era guadagnata anche il titolo di nonna elefante.

elefantessa

L’elefante ha iniziato a rifiutare il cibo già nella settimana precedente (negli ultimi tempi veniva nutrita principalmente con ananas o carote) e martedì scorso è morto presso l’Elephant care centre del Travancore Devaswam Board.

elefantessa morta

Dopo la morte l’elefantessa, che era famosissima nella zona e molto amata, è stata ricoperta di fiori e stoffe, vegliata e infine sepolta.

In questa occasione, le associazioni animaliste di tutto il mondo hanno ricordato che, nonostante quello che potesse sembrare, l’elefantessa è stato di fatto una prigioniera per tutta la vita.

Adesso però è finalmente libera e può riposare in pace.

Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook