@vschlichting/123rf

Non comprate le palle di semi e grasso per gli uccelli chiuse nel nylon, sono pericolose

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Con l’abbassamento delle temperature gli uccelli non sempre riescono a reperire cibo a sufficienza e talvolta rischiano di andare incontro alla morte, soprattutto a seguito delle gelate e delle pesanti nevicate. Possiamo fare qualcosa per aiutarli? La risposta, fortunatamente, è sì! Basta davvero poco: possiamo lasciare del cibo, ad esempio semi, sul nostro terrazzo o in balcone, in zone facilmente raggiungibili da merli, pettirossi e altri volatili.

L’ideale sarebbe acquistare delle palle formate da grasso e semi da collocare fuori dalla nostra abitazione o sul davanzale. Attenzione, però, a non appenderle utilizzando reti di nylon, anche se in tanti lo fanno. In commercio si trovano diversi sacchettini realizzati di questo materiale e già pronti per essere appesi, ma sono da evitare categoricamente.

palle grasso nylon uccelli

@Amazon

Queste reti, infatti, possono essere molto pericolose per gli uccelli perché possono restare impigliati con le zampe, senza riuscire a liberarsi facilmente. 

Se volete acquistare delle palle già pronte rimuovete sempre la retina e appoggiatele semplicemente sul davanzale delle finestre, nei vasi delle piante o incastratele nei rami degli alberi. In alternativa, potete preparare voi delle palle a base di grasso e semi, utilizzando degli ingredienti facilmente reperibili in casa, tra cui arachidi (non salate), uvetta, margarina e semi di girasole (CLICCA QUI per scoprire come fare).

Un’altra cosa da evitare, ma che tanti continuano a fare, è dare delle molliche di pane agli uccelli. Questo perché sono prive di proteine adatte al loro fabbisogno nei periodi più freddi.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook