Gli scienziati hanno dipinto le mucche come zebre per inquinare di meno

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Potrebbe sembrare alquanto bizzarro, ma un nuovo studio ha scoperto che può essere utile dipingere le mucche a strisce, facendole somigliare a delle zebre.

Ricerche precedenti avevano già dimostrato che la striatura tipica delle zebre può proteggere questi animali dai morsi di tafano e altri insetti che si nutrono del sangue dei mammiferi.

Da alcuni esperimenti era infatti emerso che mosche e altri insetti tendono a evitare di posarsi su superfici a strisce bianche e nere, forse perché il pattern disturba la loro visione come accade a noi umani con le illusioni ottiche.

Un team di scienziati ha così deciso di provare a dipingere le mucche per renderle simili alle zebre e ha scoperto che le mucche-zebra hanno il 50% in meno di probabilità di essere morse dagli insetti rispetto alle mucche non dipinte.

Durante l’esperimento, i ricercatori hanno notato che nelle mucche-zebra i movimenti compiuti normalmente per allontanare gli insetti erano inferiori del 20%, segno che meno mosche si stavano posando sulle mucche dipinte.

Mucca zebra

Secondo gli scienziati, dipingere le mucche a strisce potrebbe essere il modo migliore per tenere lontani gli insetti dal bestiame, apportando benefici all’ambiente.
I colori utilizzati per il bodypainting delle mucche sono infatti atossici, economici, più salutari per il bestiame e meno inquinanti per l’ambiente.

“Tafani e insetti sono gravi parassiti del bestiame e causano perdite economiche nella produzione animale” hanno spiegato gli autori dello studio “Abbiamo scoperto che dipingere strisce simili a quelle delle zebre sulle mucche può ridurre del 50% l’incidenza delle punture delle mosche.
Questo lavoro fornisce un’alternativa all’uso di pesticidi convenzionali per mitigare gli attacchi dei tafani sul bestiame, migliorando il benessere degli animali e la salute umana, oltre a contribuire a risolvere il problema della resistenza ai pesticidi nell’ambiente”.

Chiaramente se non esistessero gli allevamenti non dovremmo nemmeno lavorare per trovare soluzioni a questo tipo di problematiche, ma poiché l’allevamento di bestiame a scopo alimentare è una realtà, è comunque utile cercare alternative meno inquinanti e dannose per l’ambiente, per gli animali e per l’uomo, anche se singolari.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Photo credit: Plos One

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook