@Ricostruzione di un mosasauro (Illustrazione di Tatsuya Shinmura/University of Cincinnati)

Identificata nuova specie preistorica di mosasauro, era un “mostro” cacciatore di pesci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

I ricercatori dell’Università di Cincinnati hanno identificato una nuova specie di mosasauro – un vero e proprio ‘mostro’ vissuto nei nostri mari ottanta milioni di anni fa

Scoperta in Kansas una nuova specie di mosasauro: l’Ectenosaurus everhartorum. Si tratta di un rettile marino di proporzioni enormi, grande quanto uno scuolabus, che ha abitato gli oceani terrestri durante l’Era Cretacea – contemporaneo del tirannosauro rex. Gli oceani preistorici non erano quindi un posto sicuro per nuotare o per vivere: questi enormi animali rappresentavano una minaccia concreta per pesci e altri animali marini. L’esemplare in questione è stato scoperto alla fine degli anni ’70 a Logan County, in Kansas. Le ossa del cranio presentano caratteristiche uniche e diverse rispetto agli altri esemplari di mosasauro (tutti appartenenti ad un’unica specie chiamata Ectenosaurus clidastoides), e questo ha fatto pensare a una nuova specie.

Il mosasauro è uno degli animali preistorici di cui si ha notizia da più tempo: i primi fossili di questa specie, infatti, furono ritrovati nei Paesi Bassi mezzo secolo prima che si iniziasse ad utilizzare il termine ‘dinosauro’ (siamo all’inizio del XVIII secolo). Poi, dopo la Guerra Civile Americana, fossili di mosasauro iniziarono ad essere ritrovati anche in alcune aree degli Stati Uniti: i più importante paleontologi statunitensi, Othniel Charles Marsh ed Edward Drinker Cope, iniziarono a studiare i fossili risalenti all’Era Cretacea rinvenuti in Kansas, che presto divenne un luogo rinomato in tutti il mondo per la ricerca di scheletri di mosasauro.

(Leggi anche: Estinzione dei dinosauri: fu davvero colpa di un asteroide che provocò un enorme tsunami)

Nel corso dei decenni, generazioni di esperti hanno fatto tappa in Kansas per studiare questa specie e i suoi esemplari fossili, ora esposti nei musei di tutto il mondo. Fino ad oggi sono stati circa 1.500 gli esemplari di mosasauro rinvenuti: se in un primo momento si riteneva che appartenessero tutti a un’unica specie, ora le osservazioni degli esperti hanno portato a una ripartizione in due specie diverse.

I ricercatori hanno dedicato questa incredibile scoperta a Dale Russell, paleontologo canadese che con il suo lavoro ha contribuito in maniera notevole alla paleontologia in Nord America. Tuttavia, il nome dato al ‘nuovo’ mosasauro riprende il cognome Everhart: Pamela e Mike Everhart sono una coppia di coniugi del Kansas e hanno trascorso più di trent’anni compiendo gite esplorative e di ricerca nella Smoky Hill Chalk – un’area particolarmente ricca di fossili preistorici – e condividendo i fossili di mosasauro ritrovati con i musei.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: Canadian Journal of Earth Science

Ti consigliamo anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Ho 25 anni e sono laureata in Lingue Straniere. Sono da sempre attenta alle problematiche ambientali e rivolta a uno stile di vita ecosostenibile. Tento nel mio piccolo di ridurre al minimo l’impronta ambientale con scelte responsabili nel rispetto della natura che mi circonda.
Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook