Continua la moria di delfini nel Mar Tirreno, trovati altri esemplari spiaggiati

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Altri tre delfini sono stati trovati morti in Toscana, facendo salire a 31 il numero di esemplari deceduti dall’inizio di quest’anno.

Durante la giornata di ieri una stenella è stata rinvenuta all’Isola del Giglio, mentre i corpi senza vita di due tursiopi sono stati recuperati lungo le coste di Bibbiona e  Livorno.

I nuovi decessi si vanno ad aggiungere agli altri 28 avvenuti dall’inizio del 2019: 13 tursiopi, 12 stenelle, 1 capodoglio e 2 esemplari che non è stato possibile identificare a causa dello stato avanzato di decomposizione.

Secondo dati diffusi da Arpat, l’Agenzia regionale per la protezione ambientale toscana, ogni anno si spiaggiano 18 esemplari sulle coste Toscane e di questi il 20% viene trovato in buone condizioni.
Quest’anno invece, solo nell’ultimo mese si sono verificati ben 11 spiaggiamenti, 9 dei quali hanno riguardato il tursiope.

Sebbene i numeri dei decessi ad oggi non siano ancora allarmanti, si tratta comunque di cifre elevate e desta preoccupazione il fatto che le morti si verifichino nell’arco di pochi giorni e che stiano riguardando prevalentemente la specie dei tursiopi.

I veterinari dell’Istituto Zooprofilattico Sperimentale di Pisa  stanno dunque indagando sulla causa di queste morti, al momento sconosciute. Sono stati prelevati campioni di organi e tessuti degli esemplari per le analisi patologiche, verificare l’eventuale presenza di batteri e virus e controllare il contenuto dello stomaco per analizzare la dieta e ricercare eventuali materiali plastici all’interno dello stomaco che potrebbero aver ucciso gli animali.

In attesa dei risultati, che arriveranno tra qualche settimana, l’Osservatorio regionale sorveglierà come di consueto l’area a tempo pieno per monitorare la situazione.

Grazie alla collaborazione di Arpat, Direzione Marittima, Università di Siena, diverse associazioni ambientaliste e oltre 60 partner pubblici e privati nessuno spiaggiamento sfugge più alla rete di monitoraggio ed è quindi possibile tenere sotto controllo il fenomeno.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook