Moria delle api, la Liguria chiede lo stato di calamità naturale

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Le api muoiono e rischiano letteralmente di scomparire dalla Liguria. Per questo la Regione si appresta a chiedere lo stato di calamità naturale.

La situazione degli insetti impollinatori è sempre più drammatica e non solo in paesi lontani come il Brasile, di cui abbiamo più volte parlato, ma anche in Italia.

La Liguria, ad esempio, segnala un problema molto serio: la crisi delle api (e di conseguenza quella del settore dell’apicoltura) a causa della presenza della vespa velutina, ma anche della crisi climatica. La Regione si appresta quindi a chiedere lo stato di calamità naturale.

Come ha dichiarato l’assessore regionale all’Agricoltura, Stefano Mai:

“Settimana prossima faremo partire la richiesta di Stato di calamità naturale per l’apicoltura ligure. Abbiamo ottenuto i dati dalle associazioni apistiche la settimana scorsa e procederemo affinché le nostre richieste possano essere approvate dal Governo”.

Comunemente chiamata Calabrone asiatico, la vespa velutina (o calabrone asiatico) è una pericolosa minaccia per l’apicoltura italiana. Questo insetto, infatti, è un predatore che si nutre proprio di api e che spesso va a caccia direttamente negli alveari.

Ma il problema non è solo quante api riesce ad uccidere direttamente ma lo stress che provoca negli alveari azzerando l’attività di volo e la deposizione delle uova e quindi di fatto portando alla morte di tutta la famiglia di api.

calabrone-asiatico

Questo insetto si è diffuso proprio in Liguria e, oltre a ciò, ci sono i danni causati agli insetti impollinatori dai cambiamenti climatici che hanno agito negativamente sui cicli naturali delle api. A contribuire in maniera pesante vi è probabilmente anche l’inquinamento, ormai riconosciuto a livello mondiale come dannoso per questi insetti.

Considerando tutto ciò, la Liguria ha reso nota la necessità di una mobilitazione istituzionale per salvare le api liguri e un intero settore che quest’anno si è trovato davvero in ginocchio. Il “parlamentino” ligure ha dunque votato all’unanimità la richiesta di calamità naturale che, come ha specificato l’assessore Mai, è pronta per essere presentata già la prossima settimana.

Leggi anche:

 

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook