Un ittiosauro ingoia un talattosauro: l’incredibile fossile è una megapredazione di 240 milioni di anni fa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un ittiosauro che ingoia un altro grande rettile marino: una megapredazione di circa 240 milioni di anni è rimasta immortalata in uno straordinario e rarissimo fossile rinvenuto nella Cina sud-occidentale nel 2010 da un gruppo di ricerca dell’Università della California a Davis e solo ora pubblicato dagli scienziati.

Circa 240 milioni di anni fa, un ittiosauro simile a un delfino ingoiò un altro rettile marino, grande ma un po’ più piccolo di lui. Poi quasi immediatamente morì e divenne un fossile, arrivando fino a noi: sono le prime tracce di megapredazione, ovvero il momento in cui un grosso animale ne preda un altro di dimensioni paragonabili.

Gli ittiosauri erano un gruppo di rettili marini apparso negli oceani dopo l’estinzione di massa del Permiano (era del Paleozoico), avvenuta circa 250 milioni di anni fa. Questi grossi animali avevano corpi simili ai moderni tonni, ma respiravano come delfini e balene. Si supponeva che come le odierne orche o gli squali, questi potessero essere all’epoca all’apice della catena alimentare, ma non c’era mai stata finora una prova diretta.

Ma quando – era il 2010 – un esemplare di Guizhouichthyosaurus è stato scoperto nella provincia di Guizhou, in Cina, i ricercatori osservarono un grande rigonfiamento segno di altre ossa all’interno dell’addome dell’animale.

E, ad un esame più approfondito, gli scienziati trovarono effettivamente ossa più piccole di altro rettile marino, identificato in un Xinpusaurus xingyiensis, che apparteneva a un gruppo di antiche specie chiamate talattosauri, più simili a una lucertola di un ittiosauro e dotato di quattro arti rematori.

fossile megapredazione 240 mila anni

©iScience

“Non abbiamo mai trovato resti articolati di un grande rettile nello stomaco di giganteschi predatori dell’era dei dinosauri – riferisce entusiasta Ryosuke Motani, coautore della ricerca – Abbiamo dedotto dalla forma dei denti e dall’aspetto della mascella che questi predatori si nutrissero di grandi prede, ma ne ora abbiamo prove dirette”.

Il Guizhouichthyosaurus era lungo quasi 5 metri e la sua preda, dai calcoli dei ricercatori, era probabilmente di circa 4 metri, sebbene i talattosauri fossero più “magri” degli ittiosauri. L’ultimo pasto del predatore sembra essere la sezione centrale del talattosauro, dagli arti anteriori a quelli posteriori.

Il ritrovamento ricorda il recente fossile di formica infernale immortalata dalla resina nel momento in cui tentava di predare un antenato dello scarafaggio, ma con dimensioni decisamente aumentate (e tempistiche decisamente precedenti).

E le sorprese non sono finite qui.

Si era sempre presupposto infatti che i predatori di grosse prede avessero denti grandi adattati per tagliarle. Il Guizhouichthyosaurus aveva invece denti relativamente piccoli, simili a spine, che si pensava fossero adattati per afferrare prede morbide come gli animali simili ai calamari, abbondanti negli oceani di quel periodo.

L’animale dunque probabilmente usava i suoi denti per afferrare la preda, forse rompendo la spina dorsale con la forza del suo morso, quindi la lacerava. D’altronde i predatori moderni all’apice della catena alimentare come orche, foche leopardo e coccodrilli usano una strategia simile.

Un incredibile ritrovamento, praticamente unico nel suo genere, che apre una porta meravigliosa sulla preistoria.

Il lavoro è stato pubblicato su iScience.

Fonti di riferimento: Università della California a Davis / iScience

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook