Avvistamento eccezionale a Trieste: la più grande e rara medusa del Mediterraneo immortalata nell’area protetta di Miramare

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una vera e propria rarità, difficilissima da vedere. È la medusa Drymonema dalmatinum avvistata ieri a Trieste, all’interno dell’Area marina protetta Miramare. L’ultima volta era stata notata nel 2014 e prima ancora nel lontano 1945.

Una creatura tanto bella quanto temibile visto che le sue dimensioni possono arrivare anche a un metro di diametro ed è urticante. Quella osservata da due sub, al largo delle coste triestine, si aggira attorno ai 45-50 cm.

Secondo i due ricercatori Marco e Saul che l’hanno avvistata al largo di Miramare, si tratta della più grande e più rara fra le meduse del Mediterraneo.

Questa medusa gigante appartiene alla classe delle scifomeduse ed è lontana parente della Cyanea capillata, la più grande del mondo (arriva anche 2 metri di diametro) che vive nel Mare del Nord e nell’Atlantico.

“L’osservazione dei nostri subacquei, che vi si sono imbattuti durante uno dei consueti monitoraggi in Riserva, ha dell’eccezionale se si pensa che la Drymonema è stata descritta per la prima volta in Dalmazia nel 1880 dal naturalista Ernst Haeckel, per poi essere rivista pochissime volte fino al 1945. Poi più niente fino al 2014 quando venne avvistata proprio nel Golfo di Trieste e proprio dai nostri ricercatori” si legge sulla pagina ufficiale dell’Aria marina protetta Miramare.

Ecco il filmato registrato dai due ricercartori. La medusa sembra quasi volare leggera mentre si muove sinuosa in acqua:

Questa medusa è molto urticante e pericolosa, ma per via delle sue dimensioni raramente si avvicina ai bagnanti. Essa è caratterizzata dall’ombrella di colore trasparente. La zona subito sottostante è di colore rossa e azzurrastra e ha tentacoli davvero numerosi, dipartiti tra di loro singolarmente e non a fascia, come la maggior parte delle sue simili.

Nel video appena pubblicato, si possono notare tra i folti tentacoli due polmoni di mare (Rhizostoma pulmo), due meduse di cui essa è ghiotta..

Perché è così rara da vedere? Per nostra (e sua) fortuna, la sua fase polipoide, ossia la parte del suo ciclo biologico in cui rimane attaccata al fondo, può durare anche alcuni decenni. Ecco perché è difficile avvistarla in superficie.

Un motivo in più per non considerare preoccupante il suo ritorno a Trieste:

“Se mai la incontrerete, tenetevi alla larga, certo, ma consideratevi dei privilegiati!” dicono i ricercatori.

Fonti di riferimento: Area Marina Protetta Mirarare/Facebook

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook