Canguri e wallaby stanno manifestando anomalie riproduttive per colpa di un comune erbicida

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Anche i diserbanti minacciano la fauna dell’Australia: uno studio condotto dall’Università di Melbourne ha dimostrato che i marsupiali manifestano anomalie riproduttive dovute all’atrazina, composto chimico usato diffusamente nel grande Paese dell’Oceania come erbicida.

L’atrazina è una molecola aromatica della “famiglia” delle clorotriazine, ed è stata vietata nell’Unione europea già nel 2003, ma non in Australia, dove un recente studio indicherebbe una pericoloso impatto sulla riproduzione nei marsupiali, tra cui i piccoli wallaby.

L’Australia ha vissuto nei mesi scorsi una devastazione dovuta a incendi ripetuti che hanno distrutto ettari ed ettari di flora nonché ucciso un numero esorbitante di animali. Ma la tragedia, che è stata recentemente collegata direttamente ai cambiamenti climatici, non è dunque l’unica minaccia.

“L’esposizione all’atrazina sta causando gravi anomalie nel sistema riproduttivo maschile in molti animali – spiega Andrew Pask, che ha guidato il lavoro –  innescando la sterilità maschile o persino l’inversione del sesso da maschio a femmina nelle rane”.

Era già noto infatti che l’atrazina è in grado di colpire una vasta gamma di animali dai mammiferi come i ratti, ma anche anfibi, rettili e persino pesci. Ma particolarmente a rischio sembrano essere i marsupiali.

“Con la modalità di riproduzione unica dei marsupiali e i giovani che completano il loro sviluppo nel marsupio, le madri stanno inconsapevolmente trasmettendo le tossine nel loro latte materno – continua infatti il ricercatore – esponendo i loro piccoli alle tossine ambientali”.

Ma come è possibile confermare un diretto impatto?

Il composto chimico indiziato non solo non è vietato in Australia ma ampiamente usato nell’irrorazione delle foreste: la ricerca ha infatti scoperto che la concentrazione di questa molecola è inquietante pressochè ovunque, sia nei fiumi dello Stato australiano Victoria che nei torrenti della Tasmania immediatamente dopo tale pratica.

I ricercatori hanno dunque esposto in particolare cinque wallaby tammar femmine adulte ad acqua contaminata da atrazina durante la gravidanza, il parto e l’allattamento per capire l’entità del danno causato dalla sostanza chimica ed esaminato lo sviluppo riproduttivo dei loro piccoli.

Il numero degli individui sottoposti allo studio è stato mantenuto piccolo per ragioni etiche, ritenendo già in partenza che l’esposizione avrebbe provocato non pochi danni ai cuccioli.

E purtroppo così è stato.

“Le sostanze chimiche come l’atrazina alterano il sistema endocrino, hanno la capacità di influenzare lo sviluppo e aumentare la suscettibilità alle malattie – precisa Laura Cook, prima autrice del lavoro – Vedere un tale impatto anche in un piccolo campione è ancora più significativo”.

Canguri e wallaby sono ad alto rischio perché mangiano i raccolti irrorati e bevono da risorse idriche contaminate, dove si accumulano sostanze chimiche come quella oggetto del lavoro. E questo è un vero disastro.

I marsupiali stanno infatti già subendo un calo demografico devastante in tutta l’Australia e nel Paese il 21% dei mammiferi autoctoni sono attualmente a rischio estinzione.

“Con l’aumento della distruzione degli habitat, i marsupiali vengono spinti sui terreni agricoli, attratti dalle risorse alimentari e dalle rare fonti d’acqua permanenti dove possono essere vulnerabili ai contaminanti agricoli, come i pesticidi” conclude la ricercatrice.

L’obiettivo della ricerca, che è stata pubblicata su Reproduction, Fertility and Development, è quello di spingere alla definizione di linee guida più rigorose sull’uso dell’atrazina in Australia.

Nella speranza – aggiungiamo noi – che sostanze come queste vengano definitivamente bandite.

Fonti di riferimento: Università di Melbourne / Reproduction, Fertility and Development

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Roberta De Carolis ha una laurea e un dottorato in Chimica, e ha conseguito un Master in comunicazione scientifica. Giornalista pubblicista, scrive per GreenMe dal 2010.
TuVali.it

150+ corsi online su Salute e Benessere, a partire da 5€ (in collaborazione con GreenMe)

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook