Londra 2012: animali veri per la cerimonia di apertura delle olimpiadi

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Londra 2012: mancano pochi giorni al debutto ufficiale dei giochi olimpici, che si svolgeranno nella città britannica dal 27 luglio al 12 agosto. Mentre cresce l’attesa per la cerimonia di apertura, a cui assisteranno, dalle 21.00 fino alle 00.30, ben 62.000 spettatori, continuano le polemiche sull’impiego di pecore, cavalli, mucche e altri animali.

Le critiche non riguardano solo la sicurezza, che secondo il tabloid The Sun, sarebbe minacciata dalla carenza di addetti, o il taglio di mezz’ora, con la sequenza di acrobazie in motocicletta annullata. A destare preoccupazione, nel mondo animalista e non solo, è anche la decisione di Danny Boyle, regista della cerimonia da 27 milioni di sterline che ha allestito uno spettacolo ispirato a una visione tradizionale della campagna britannica, di impiegare animali veri.

Nel paesaggio rurale ricostruito nello stadio, infatti, pascoleranno e scorrazzeranno 70 pecore, 12 cavalli, 3 mucche, 2 capre, 10 galline, 10 anatre, anatre e 3 cani da pastore. Secondo l’organizzatore lo scopo è quello di mostrare “un’immagine dei britannici e della nostra nazione, che racconti da dove veniamo e dove vogliamo essere“, spiega in una nota ufficiale. Ma per 6 associazioni impegnate nella tutela del benessere degli animali, Animal Aid, Animal Defenders International, Captive Animals Protection Society, Compassion in World Farming, Peta e Viva, questa scelta potrebbe violare la legge sulla protezione degli animali, sottoponendo gli inconsapevoli protagonisti a una sofferenza gratuita ed eccessiva.

Pecore, galline, cavalli, oche e anatre sono animali preda e quindi hanno un ben sviluppato istinto a prendere il “volo” in situazioni che trovano angoscianti. Sottoporre questi animali all’attenzione di oltre 62.000 persone che applaudono, alle luci, ai rumori e all’atmosfera frenetica dell’evento, impedendo loro di esercitare il loro istinto naturale di scappare o nascondersi, rappresenterà per loro un’esperienza altamente stressante e, probabilmente, terrificante“, scrivono in una lettera.

Ma Boyle assicura, rispondendo direttamente al fondatore di Peta, Ingrid Newkirk, di aver predisposto piani specifici per la garanzia degli animali, presenti nello stadio “solo all’inizio dello show, nelle ore diurne, prima di eventuali effetti scenografici di grandi dimensioni o di sequenze troppo rumorose“. Quanto alla fine che faranno dopo lo show, il regista di The Millionaire ha promesso di assicurarsi che non finiranno mai in un macello, ma verranno destinati a santuari animali. Tanto è bastato per lavarsi la coscienza. D’altronde, “the show must go on”.

Roberta Ragni

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook