I bracconieri hanno approfittato del lockdown per sparare, intrappolare e avvelenare decine e decine di rapaci

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Il lockdown dell’emergenza coronavirus ha incrementato la caccia illegale e nelle ultime settimane l’RSPB, l’ente benefico che si occupa di fauna selvatica, ha ricevuto decine di segnalazioni che denunciavano l’uccisione di rapaci come aquile, falchi pellegrini, poiane, aquiloni rossi e barbagianni. Sarebbero almeno 56 gli animali uccisi.

L’assenza di escursioni incoraggia i bracconieri che continuano ad agire indisturbati nella loro strage di fauna selvatica. L’RSPB parla di ‘crimini orchestrati’, perché dietro queste spedizioni ci sarebbe appunto il lockdown.

“Come nel selvaggio West, visto che non c’è nessuno in giro”, spiega alla BBC Mark Thomas, capo dell’unità investigativa dell’RSPB. Uccelli rapaci che ricevono attacchi costanti e mentre lo scorso anno, in questo periodo, l’ente riceveva normalmente tre o quattro segnalazioni sull’uccisione di specie di uccelli protette ogni settimana, adesso ce ne sono almeno quattro al giorno.

L’ente benefico per la fauna selvatica sostiene che le uccisioni sono collegate al fatto che i rapaci predano animali come fagiani che vengono allevati per la caccia sportiva. Si avvicinano alla preda e vengono a loro volta sparati, perché secondo l’ente non si tratterebbe di semplici incidenti (comunque non giustificabili).

“Sono sinceramente disturbato. In più di 20 anni di indagini, non ho mai visto nulla di simile. Questo è un crimine orchestrato contro la fauna selvatica”, spiega ancora Thomas. Il 29 marzo è stata trovata una poiana sparata a Shipton, vicino a York. La sua ala era fratturata in due punti e una radiografia ha rivelato diversi proiettile all’interno del corpo dell’uccello. Per fortuna, la poiana è riuscita a salvarsi ed è stata rilasciata.Durante il fine settimana di Pasqua, un aquilone rosso è stato trovato ucciso vicino a Leeds. Aveva 12 pallottole di fucile nel suo corpo. Il fine settimana seguente, è stato trovato un aquilone rosso morto a Powys. Nel sud-ovest dell’Inghilterra, sono state trovate dieci poiane, tutte avvelenate.

poiana uccisa

@POLIZIA DEL NORTH YORKSHIRE

L’Unità investigativa sospetta che il numero reale di incidenti potrebbe essere molto più elevato, dato che ci sono meno persone nelle campagne che potrebbero denunciare casi, con escursionisti e gruppi specializzati nello studio dei rapaci. Come sappiamo i rapaci sono protetti dal Wildlife and Countryside Act (1981) e quindi l’attività di caccia è illegale.

L’RSPB ha registrato almeno 56 potenziali reati – più di uno al giorno in media – da quando il blocco è iniziato il 23 marzo, tra cui 15 rapaci uccisi illegalmente e 24 sottoposti a ulteriori analisi post mortem.

“La primavera è il momento in cui gli uccelli rapaci sono più visibili e quindi vulnerabili. Le azioni criminali sono mirate e maligne in natura, gli uccelli vengono eliminati prima che abbiano l’opportunità di riprodursi, spesso in aree in cui hanno già subito persecuzioni”, dice Supt Nick Lyall, capo di una polizia nazionale e di un gruppo politico incaricato di affrontare la persecuzione dei rapaci.

Il lockdown, quindi, è stato visto come un via libera per coloro che continuano a commettere crimini contro gli animali protetti.

“L’ondata segnalata non dovrebbe davvero sorprendere. Gli uccelli vengono colpiti da anni, il lockdown offre semplicemente ai criminali maggiori opportunità di perseguire i propri obiettivi con poca paura di essere scoperti e di avere delle conseguenze”, chiosa Ruth Tingay di Raptor Persecution UK e co-fondatore di Wild Justice e aggiunge: “La domanda rimane la stessa: blocco o no, quando questo governo riconoscerà l’entità del problema. La cecità intenzionale non può più essere tollerata”.

Fonti: BBC/The Guardian/Indipendent

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook