Libertà per i delfini: la nuova campagna LAV nelle piazze (petizione)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ti piacerebbe crescere in una prigione? Vorresti essere costretto a esibirti tutta la vita come un pagliaccio? Se la risposta è no, non potrai che essere contrario anche alle sbarre di uno zoo, al tendone di un circo, al contenimento di una piscina. Eppure sono ancora migliaia gli animali in trappola per il nostro intrattenimento: tenuti in gabbia, costretti a esibirsi, rinchiusi in vasche, detenuti in condizioni estreme.

Tra loro ci sono anche i delfini di acquari e delfinari. Eppure l’unico posto in cui si possono davvero comprendere e ammirare in tutta la loro bellezza e vitalità è il mare aperto. Per cambiare il destino dei cetacei, di quelli ancora detenuti e di tutti quelli che rischiano di diventarlo, la Lav chiede l’aiuto di tutti.

Sabato 29 e domenica 30 marzo e il 5 e 6 aprile i volontari saranno in centinaia di piazze italiane, insieme a Marevivo, per una nuova legge che vieti l’importazione di delfini, altri cetacei e balene a scopo di esposizione, spettacolo e intrattenimento, nonché il divieto di far riprodurre i delfini in cattività, anche con pratiche di inseminazione artificiale e la chiusura di tutti i delfinari.

Liberta per i delfini 4

Liberta per i delfini 1

“Le nostre investigazioni confermano che in Italia i delfinari non hanno alcuna funzione educativa né scientifica o di conservazione della specie, ovvero non rispettano queste caratteristiche obbligatorie per legge, facendo invece spettacolo: un inganno che i cittadini devono conoscere e a cui dobbiamo mettere fine, a tutela degli animali imprigionati in questa forzata cattività”, dichiarano Laura Gentle (Marevivo) e Roberto Bennat (LAV).

Liberta per i delfini 2

Liberta per i delfini 3

COSA POSSIAMO FARE? Oltre a non andare a visitare i delfinari, per non essere complici di questa inaccettabile prigionia, è possibile sostenere la campagna il 29 e 30 marzo e il 5 e 6 aprile, nelle piazze italiane. Qui sarà possibile firmare la petizione di Lav e MareVivo e acquistare le tradizionali uova di Pasqua in buonissimo cioccolato fondente del commercio equo e solidale: un dono generoso per amici e parenti e per gli animali che in questo modo si aiuterà a salvare.

Per scoprire dove raggiungere la Lav clicca qui

Roberta Ragni

LEGGI anche:

Sos delfini: giu’ la maschera dei delfinari, tutta la verita’

Taiji: un parco marino con carne di delfino nel menu (PETIZIONE)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook