Liberati 9 macachi dopo 11 anni di esperimenti: ora LAV chiede libertà per i 6 macachi dell’Università di Torino

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dopo essere stati sottoposti a crudeli esperimenti per 11 anni, alla Vigilia di Natale 9 macachi utilizzati per testare la risposta immunologica agli attacchi di agenti infettivi, sono stati finalmente liberati dall’Istituto Superiore di Sanità e portati nel Centro di Recupero di Semproniano, che ospita altre 2 colonie dismesse dai laboratori dell’Università di Modena e Padova. Lo ha riferito LAV, Lega Anti Vivisezione, che da anni collabora con il Centro ed è attivamente impegnata contro la sperimentazione animale in Italia.

Nonostante i primati godano di particolari tutele e il loro impiego sia vietato nel nostro paese, salvo eccezioni, come ha dichiarato Rodolfo Lorenzini, capo del Centro nazionale di sperimentazione e benessere animale, purtroppo continuano a essere utilizzati in diversi esperimenti. Sebbene, fra le altre cose, siano una specie molto vicina a quella umana, aspetto che secondo Lorenzini dovrebbe farci ulteriormente riflettere sul loro impiego.

Se da un lato, in effetti, i più importanti centri di ricerca pubblica stanno eliminando la sperimentazione animale, in conformità con la legge del 2014 con cui l’Italia si impegnò a evitarla, come sottolineato dal preside dell’ISS Silvio Brusaferro in un’intervista rilasciata al Corriere della Sera, ribadendo “l’impegno per la messa a punto di modelli innovativi che consentano di acquisire le evidenze scientifiche necessarie, a beneficio della salute“, dall’altro c’è chi, come l’Università di Torino, non intende rinunciarvi.

È il caso, attualissimo, dell’esperimento torinese che vede protagonisti 6 macachi, sottoposti a operazioni varie per effettuare studi su deficit visivi nell’essere umano, rendendoli ciechi.

L’esperimento in questione, della durata di 5 anni, intende sottoporli a un training di diverse ore al giorno, durante il quale dovranno rimanere immobili su sedie e costretti a riconoscere delle immagini, quindi resi ciechi. Una sperimentazione che prevede un intervento al cervello doloroso e invasivo, e che contemporaneamente verrà condotta su volontari umani.

Motivo per cui LAV ha lanciato una petizione dopo aver chiesto al Ministero della Salute il Protocollo dell’esperimento, negato, e aver fatto per ben 2 volte ricorso al TAR.

L’obiettivo della petizione è interrompere la sperimentazione “LIGHTUP – Turning the cortically blind brain to see” liberando immediatamente i macachi. Firmiamo anche noi!

Ti potrebbe interessare anche:

Photo Credit: change.org

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook