Maltrattamenti in uno zoo, due leoni morti poco prima di raggiungere la libertà

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Due leoni tenuti in gabbia nello zoo di Islamabad, in Pakistan, sono morti durante il viaggio che gli avrebbe dovuto restituire la libertà.

I felini, un maschio e una femmina, stavano infatti per essere trasferiti in un santuario. Santuario che purtroppo non hanno mai raggiunto, poiché sono entrambi deceduti a poche ore di distanza.

Gli animali erano in perfetta salute prima di partire: la causa del decesso potrebbe dipendere dai maltrattamenti subiti e per cattiva gestione durante il trasporto, che potrebbe aver provocato un eccessivo stress agli animali, anche per via delle elevate temperature di questi giorni.

Per riuscire a trasferire i leoni da una gabbia all’altra i dipendenti dello zoo hanno appiccato un fuoco a pochi metri dagli animali, per poi pungolarli con dei bastoni per convincerli a spostarsi.

La crudeltà riservata ai due esemplari è evidente dai terribili video pubblicati in rete.

Dopo la pubblicazione dei video, che ora saranno utilizzati come prova, il Ministero per i Cambiamenti climatici si è detto seriamente preoccupato per il trattamento intollerabile e disumano degli animali da parte dello zoo e ha istituito una commissione d’inchiesta per fare luce sulla morte dei due felini.

Il WWF-Pakistan ha rilasciato un commento in cui condanna maltrattamenti nei confronti dei leoni e spera che i responsabili siano assicurati alla giustizia per questo atto ripugnante.

Fonte di riferimento: New York Times/WWF Pakistan

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Repubblica di San Marino

Repubblica di San Marino: il turismo slow e green che non ti aspetti

Sei su Instagram?

Le nostre foto +belle, le notizie che +ami, il tuo giornale sempre con te!

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook