Lo zoo degli orrori spagnolo dove gli animali marini stanno morendo, dopo essere stati costretti a vivere nella melma

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un leone marino giace morto a terra coperto da un sacco nero della spazzatura, mentre le foche annaspano in una pozza di acqua sporca diventata uno stagno. Sono immagini drammatiche quelle che arrivano dallo zoo di Santander nella Penisola di Magdalena in Spagna che sono state pubblicate dalla modella Laura Gangoso e che hanno fatto il giro del mondo. Animali ancora una volta sfruttati e tenuti in pessime condizioni.

Online ci sono già diverse petizioni per chiedere l’immediata chiusura della struttura e il ricollocamento degli animali prima che succeda il peggio. Lo zoo si trova Cantabria e qui sono detenuti leoni marini, pinguini e foche, senza considerare minimamente il fatto che, questa zona è caldissima e di certo, questi non sono animali da temperature così alte.

“Questo sta accadendo nello zoo pubblico di La Magdalena, a Santander (Cantabria). Leoni marini senza accesso all’acqua, foche chiuse in stagni con acqua sporca e carcasse esposte al pubblico. Questa è la dura realtà degli zoo, gli animali rinchiusi senza la libertà o la cura che meritano”, scrive un utente su Instagram dove è stato lanciato anche l’hashtag #ZoosSonCárceles.

Secondo quanto si legge sui media locali, alcuni animali erano avvolti in sacchetti di plastica nell’area del minizoo e lontani dal loro recinto. Ma dal Consiglio comunale di Santander, l’assessore all’Ambiente, Margarita Rojo, conferma che Lucas, il leone marino che per due anni è stato in questo zoo, sia morto per cause naturali, come confermato dal team veterinario responsabile della cura degli animali. Il sindaco ha poi chiarito che “i lavori di manutenzione vengono effettuati periodicamente per ossigenare e facilitare l’ingresso dell’acqua di mare e permettere agli animali di essere nelle migliori condizioni possibili”. Eppure da queste immagini non sembrerebbe guardate in che condizioni vivono:

Per questo motivo PSOE, Izquierda Unida, Unidas por Santander, PACMA hanno denunciato e chiesto spiegazioni sullo stato in cui versano gli animali e si sta valutando anche un procedimento in tribunale. ” Vogliamo sapere se vengono rispettati gli standard minimi di cui questo spazio ha bisogno e se è vero quello che è vediamo in queste immagini”, spiegano. Nel frattempo è stata lanciata una petizione per chiedere la chiusura dello zoo.

View this post on Instagram

@cantabriaanimalsave #repost @lavacastyle ・Animales totalmente desatendidos, deshidratados y moribundos en el Minizoo del Palacio de la Magdalena en Santander, Cantabria. Pingüinos, focas y leones marinos. Incluso hace años contaba con osos polares y leones en un recinto minúsculo. El Ayuntamiento ha confirmado la muerte de un león marino con 30 años, envuelto en una bolsa de basura que sobresalía parte de su cuerpo, a la vista de la gente y niños que paseaban durante la desescalada. El agua estaba estancada y una foca se encontraba en muy mal estado cubierta de verdín, lo que indica que llevaba un tiempo flotando sin sumergirse con muy mal aspecto y falta de higiene. La zona de los leones marinos estaba completamente drenado, contando únicamente con arena seca. En el estado de alarma los animales han estado totalmente desatendidos, falta de agua y abandonados a su suerte. Con imágenes gravísimas que no se pueden tolerar, expuestos como un reclamo turístico en la ciudad de Santander, sin responder a ningún bienestar de estos animales. No es la primera vez que se recogen firmas denunciando el estado de los animales en el parque de La Magdalena. En 2017, al menos 2.500 personas apoyaron una campaña pidiendo la clausura de las instalaciones. Por otro lado IU está valorando denunciar ante la Fiscalía el estado de los animales del zoo, considerándolo un lugar anacrónico y perjudicial para la fauna que lo habita. Pasear por el Palacio de la Magdalena es presenciar un lugar donde se encarcelan animales, alejados de sus ecosistemas y viviendo en condiciones que distan mucho de las de su entorno natural. Comparte para exigir que actúen y se tomen medidas para proporcionar un bienestar real para los animales que se encuentran encarcelados en el Minizoo de la Magdalena en Santander. Alcaldesa Santander @gemaigual Presidente Cantabria @revillamiguela Fotos @lauragangoso Activismo @cantabriaanimalsave Gracias por vuestra labor y por poneros en contacto conmigo. Vídeo @partidopacma  #lavacastyle#animallovers #animalrights #art #zoo #animales#animalartist #animal #ilustracion #drawing #fauna #liberacionanimal #derechosanimales #zoossoncárceles

A post shared by 🐰 Blacky The Bun 🐰 (@blackythebun) on

LA PETIZIONE

Si legge nella petizione: “Il Palacio de la Magdalena, a Santander, è uno spazio turistico molto popolare per i visitatori di tutto il mondo. Questo ha un minizoo, che ospita animali marini (pinguini, leoni marini e foche), in cattive condizioni e in un ecosistema che non appartiene a loro. Una situazione che va avanti da decenni. Gli animali non hanno spazio, sono malati, apatici, non sembrano nutriti né hanno l’acqua necessaria, perché è piena di sabbia. C’è un ecosistema che non appartiene a loro a causa delle sue condizioni climatiche e ambientali”.

Nel 2018, il parco ha ricevuto quasi 100mila visitatori durante tutto l’anno. Nessuno si è accorto di tutto ciò? Adesso bisogna agire per salvare i pochi animali rimasti:

FIRMA QUI LA PETIZIONE

Fonti: El diario Cantabria/El diario montanes/Animalados/La Sexta

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista professionista, laureata in Scienze Politiche con master in Comunicazione politica, per Greenme si occupa principalmente di tematiche sociali e diritti degli animali.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook