La lumaca di mare è l’unico animale capace di fare fotosintesi

La lumaca di mare è un mollusco capace di conservare e utilizzare i cloroplasti presenti nelle alghe di cui si nutre per ricavare energia.

Si tratta di una particolarità non da poco e gli scienziati stanno sequenziando il genoma di questo animale per capire come faccia l’Elysia chlorotica a mantenere funzionanti i cloroplasti algali anche per diversi mesi.

La lumaca di mare a energia solare conserva e usa i cloroplasti delle alghe

La lumaca di mare (Elysia chlorotica) è un mollusco che appartiene ai sacoglossi ed è nota anche come lumaca di mare a energia solare.
Oltre ad avere un aspetto simile a quello di una foglia, la lumaca di mare è l’unico animale in grado di sfruttare la fotosintesi a scopi energetici, proprio come fanno le piante.

La lumaca di mare, infatti, si nutre di alghe ed è nota per la sua capacità di sequestrare i cloroplasti dalle sue prede algali e di sopravvivere con la fotosintesi fino a 12 mesi in assenza di cibo. Si tratta di un’ottima strategia per superare periodi in cui la disponibilità di cibo è limitata.

Uno studio recente realizzato dall’Università della Florida e pubblicato su Nature ha presentato i risultati di una prima codifica del genoma della E. chlorotica.

La ricerca è stata effettuata per studiare la genetica e l’evoluzione di questi molluschi e per spiegare nel dettaglio come facciano le lumache di mare a far funzionare nel tempo i cloroplasti delle alghe di cui si nutrono.

La fotosintesi in un animale: un fenomeno unico

I cloroplasti sono organelli cellulari che contengono clorofilla, una molecola con una struttura simile alla nostra emoglobina. Grazie alla clorofilla, alghe, piante e cianobatteri possono utilizzare l’energia solare per il processo della fotosintesi, che permette alle piante di ricavare nutrienti e agli animale di aver ossigeno a disposizione. Quando un animale si nutre di vegetali, i cloroplasti vengono digeriti, pertanto smettono di funzionare e di fare fotosintesi.

Molte specie di lumache di mare sono in grado di sequestrare i cloroplasti dalle cellule delle alghe di cui si nutrono e, in alcune lumache di mare, i cloroplasti catturati mantengono la capacità di effettuare la fotosintesi anche per diversi mesi.
Questa capacità di mantenere funzionanti i cloroplasti dipende dalla produzione di proteine ​​speciali codificate dai geni nucleari della lumaca di mare.

La possibilità di fare fotosintesi grazie a cloroplasti acquisiti è un fenomeno davvero singolare per una specie animale e i dati del sequenziamento generati dallo studio serviranno come risorse per future ricerche sull’evoluzione dei sacoglossi e, in particolare, per lo studio delle basi genetiche alla base del mantenimento a lungo termine di cloroplasti algali nelle lumache di mare.

Leggi anche:

Tatiana Maselli

Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Coop

Coop pianta più di 6.000 alberi per la campagna M’Illumino di meno 2020

Coop

Non solo dal contadino, si può scegliere etico anche al supermercato

Sorgente Natura

Pasta: come scegliere la migliore (non solo di grano duro)

Sparkasse Green

La banca punta alla sostenibilità ambientale

Roma Motodays
Seguici su Instagram
seguici su Facebook