Kenny, la tigre bianca deforme nata dall’incrocio forzato tra consanguinei

Tigre bianca

Kenny era una maestosa tigre bianca dall’espressione un po’ curiosa, con il suo muso corto e largo, e gli occhi strabici. Aspetto bizzarro dovuto a disabilità fisiche e mentali, attribuite all’incrocio forzato tra fratelli.

Le tigri bianche dello stesso sangue vengono spesso accoppiate forzatamente per produrne altre totalmente pure, in modo da poterle vendere a zoo, hotel e vari consumatori a prezzi spropositati. Sono infatti ricercate perché erroneamente ritenute in via di estinzione.

Spesso però gli accoppiamenti non funzionano e così è successo anche a Kenny, nata con deformità facciali e una formazione anomala della bocca che le impediva di chiuderla, anche se non si trattava di Sindrome di Down, come riportato da alcuni media.

Kenny la tigre bianca

Tigre bianca

Il suo aspetto considerato sgradevole, e quindi poco appetibile da parte dei potenziali acquirenti, la fece finire nel 2000, a circa 2 anni, al Turpentine Creek Wildlife Refuge. 

La individuarono per caso rispondendo alla chiamata di un uomo che voleva venderla, un allevatore disperato che il personale del centro convinse ad abbandonare per sempre gli allevamenti di tigri bianche.

Scomparsa nel 2008, a 10 anni, si è conquistata la popolarità per via del suo aspetto anomalo ma non è l’unica tigre della sua famiglia ad essere stata vittima di incroci pericolosi. Anche il fratello Willie nacque con forte strabismo causato dalla consanguineità, e per questo venne portato nello stesso rifugio dove visse 12 anni. Destino altrettanto crudele fu quello che colpì i genitori, Conway e Loretta, fratelli nati sani ma considerati inadatti ad allevare cuccioli normali e quindi scartati. Vissero 21 anni.

Tutta la verità sulle tigri bianche

Secondo Susan Bass del Florida sanctuary Big Cat Rescue (BCR), le tigri bianche non si vedono in natura dagli anni ’50 e quelle odierne sarebbero tutte frutto di innumerevoli generazioni di consanguineità forzate dagli uomini, per ottenere il doppio gene recessivo cui si deve il caratteristico mantello bianco.

Secondo quanto riporta il Big Cat Rescue, questi incroci tra fratelli, tra madre/padre e figli, non sono affatto innocui perché provocano innumerevoli problemi: nervi ottici incrociati, vita media più breve, disturbi ai reni, problemi alla colonna vertebrale, occhi storti e anche dal punto di vista estetico, nella maggioranza dei casi, queste tigri sono deformi, motivo per cui spesso vengono scartate dagli allevatori.

Inoltre non si tratta di una specie in via di estinzione, mito duro a morire secondo Big Cat Rescue, ma di tigri nate da incroci pericolosi, eseguiti ancora oggi nella speranza di ottenere qualche cucciolo perfetto, scartando tutti gli altri, la maggioranza, a causa delle deformità. Anche il mito della rara tigre bianca del Bengala sarebbe quindi un’illusione mirata ad ingannare il pubblico.

Ti potrebbe interessare anche:

Laura De Rosa

Photo Credit: Facebook

Laureata in Scienze dei Beni Culturali, redattrice web dal 2008 e illustratrice dal 2018, ha pubblicato per Giochidimagia Editore "Il sogno attraverso il tempo". Con SpiceLapis ha realizzato "Memento Mori, guida illustrata ai cimiteri più bizzarri del mondo".
Coop

Le bottigliette d’acqua riciclate del Jova Beach Party diventano t-shirt sportive

Salugea

Come fare incetta di vitamina D in inverno per evitare una carenza

Florena Fermented Skincare

Cosmetici naturali fermentati: cosa sono e perché sono così efficaci per la cura del viso

Caffè Vergnano

Regali di Natale: un’idea personalizzata e green per la persona che ami

Seguici su Instagram
seguici su Facebook