India: stop allo shark finning e verso il divieto dei test animali per i prodotti per la casa

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Arrivano ottime notizie dall’India per gli animali. Il paese asiatico ha vietato la caccia agli squali per le loro pinne e, dopo aver messo fine ai test cosmetici, si avvia anche verso la cancellazione della sperimentazione sui prodotti per la pulizia della casa e sui loro ingredienti.

SHARK FINNING – La pratica dello shark finning, che consiste nel tagliare le pinne dello squalo per poi gettarlo di nuovo in mare, dove gli animali muoiono lentamente per fame o incapacità di muoversi, è esplosa recentemente in tutto il mondo per via della crescita della domanda dalla Cina, dove la zuppa di pinne di squalo è considerata una prelibatezza.

Ma l’India, che vanta la presenza nelle sue acque di una decine di specie di squali a rischio di estinzione, tra cui lo squalo martello e lo squalo balena, ha deciso di opporsi. Con le nuove norme del Ministero dell’Ambiente, i pescatori che praticheranno questa orribile caccia rischieranno fino a sette anni di carcere. Quelle pinne, ora, devono essere rimosse una volta che gli squali sono a terra. Questo consentirà quantomeno di tutelare le specie a rischio estinzione.

shark-finning

SPERIMENTAZIONE ANIMALE – Dopo una vasta campagna di PETA India, i saponi e altri tensioattivi potrebbero presto non essere più testati sugli animali. La proposta è del Soaps and Other Surface Active Agents Committee (CHD 25) della divisione chimica del Bureau of Indian Standards. Questo annuncio arriva sulla scia di un bando recentemente emanato sulla sperimentazione dei cosmetici sugli animali in India, così come dei divieti dell’Unione europea e di Israele. Un progresso che segna un’altra tappa importante nella lotta per porre fine alla sperimentazione animale in tutto il mondo.

Roberta Ragni

LEGGI anche:

La zuppa insostenibile alle pinne di squalo

Lo shark finning e l’ecatombe degli squali

India: primo paese asiatico a vietare test cosmetici sugli animali

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook