L’India dice no alla costruzione dei delfinari

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Grande vittoria per la tutela dei delfini. Il Ministro indiano dell’Ambiente e delle Foreste, Jayanthi Natarajan, raccogliendo l’appello lanciato delle associazioni animaliste e degli attivisti, tra cui anche l’Enpa, ha deciso di vietare la realizzazione di tutti i delfinari che erano stati proposti negli Stati costieri del Paese.

Tamil Nadu, Kerala, Goa, Noida e Maharashtra non saranno, quindi, luoghi di tortura, privazione e prigionia per i cetacei rubati al mare, soprattutto grazie “alla forte condanna dell’opinione internazionale sul confinamento di animali selvatici o sul loro utilizzo per puro divertimento dell’uomo”, dice una lettera che il ministro ha inviato alla Peta. Il forte segnale dell’India contro lo sfruttamento, peraltro vietato sia dalla legge indiana contro la crudeltà sugli animali (prevention of Cruelty to Animals Act) sia dalla normativa per la protezione della fauna selvatica (Wildlife Protection Act), ha raccolto il favore dell’Enpa.

“La presa di posizione del governo indiano è un’ottima notizia – commenta il direttore scientifico dell’Enpa, Ilaria Ferri -. Nelle settimane passate avevamo chiesto all’esecutivo di Nuova Delhi di opporsi alla costruzione dei delfinari, evidenziando come delfini e balene, animali estremamente intelligenti abituati a vivere in libertà all’interno di gruppi con relazioni familiari molto strette, fossero inadatti alla vita in cattività, che per loro rappresenta una vera condanna a morte”.

Perché, se l’industria dell’intrattenimento cerca di far passare l’idea secondo cui la cattività dei cetacei avrebbe finalità educative, e che gli stessi animali sarebbero “felici” di vivere in un ambiente così artefatto, di interagire con l’uomo e di eseguire tali esercizi, “è evidente che ciò non ha nulla a che vedere né con una presunta conservazione delle specie né con un’altrettanto presunta mission formativa, poiché gli animali sono privati della possibilità di comportarsi secondo le caratteristiche etologiche della loro specie, sono obbligati ad alterare i propri istinti, oltre a subire un percorso di addestramento basato sulla deprivazione alimentare e sulla paura”, conclude la Ferri, augurandosi che altri Paesi, primo fra tutti il nostro, seguano l’esempio dell’India.

Roberta Ragni

LEGGI anche

Chiude il delfinario di Gardaland, ma non e’ una svolta etica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Fairtrade

Le settimane Fairtrade del commercio equo e solidale: compra etico e scopri online l’impatto dei tuoi acquisti

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook