Tremendo incendio in un allevamento Eurovo: carbonizzate 150.000 galline, aria irrespirabile

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Un violento incendio si è sviluppato nella giornata di ieri in due capannoni adibiti all’allevamento di galline ovaiole.

Il tremendo incidente è avvenuto nell’allevamento di Monte Vidon Combatte, in provincia di Fermo. Le fiamme hanno distrutto due edifici di proprietà di Monaldi Italia, azienda del Gruppo Eurovo, interessando un’area di circa 5mila metri quadrati.

Fortunatamente nessuno degli operai è rimasto ferito ma, oltre al danno economico stimato in 7 milioni di euro, nel terribile incendio sono morte carbonizzate oltre 150mila galline, chiuse nelle loro gabbie.

I vigili del fuoco, allertati dai cittadini dopo che una grande colonna di fumo nero si è levata dall’allevamento, hanno lavorato diverse ore per spegnere le fiamme ma per i poveri animali non c’è stato nulla da fare.

Generalmente nei due capannoni sono stipate 300mila galline ma uno dei due stabili era momentaneamente inutilizzato.

Non è ancora chiaro cosa abbia innescato il rogo, che sembra si sia sviluppato prima nel capannone vuoto per poi diffondersi all’edificio adiacente a causa del vento.

L’aria è diventata immediatamente irrespirabile e ai cittadini è stato chiesto di tenere chiuse le finestre e di non raccogliere verdure negli orti in attesa dei risultati delle analisi dell’Arpam che dovranno chiarire la presenza in atmosfera sostanze tossiche o pericolose.

Fonti di riferimento: Corriere Adriatico/Vivere Fermo/Il Resto del Carlino Fermo/YouTVRS

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Mediterranea

Siero viso anti-age con buon Inci: la prova prodotto di Olive Mediterranea

Deceuninck

L’importanza della luce naturale in casa e come ottenere giochi di luce con qualche accortezza

Cristalfarma
Seguici su Instagram
seguici su Facebook