@Whale Project Sanctuary/Facebook

In Canada verrà inaugurato il primo santuario al mondo per balene e delfini salvati dai parchi acquatici

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In Nuova Scozia (Canada) sta per essere realizzato il Whale Sanctuary Project, un enorme santuario che ospiterà balene e delfini che per anni hanno vissuto in cattività. Si tratta della prima struttura di questo tipo, dove finalmente i cetacei salvati dai parchi acquatici potranno condurre un’esistenza dignitosa. Il progetto nasce a seguito dell’approvazione della legge canadese – risalente al 2019 – che vieta di tenere in cattività delfini, balene e foche. 

Purtroppo non è possibile rimettere in piena libertà gli esemplari che hanno trascorso anni (in certi casi decenni!) in un ambiente confinato. Per questo un team di ricercatori e ambientalisti canadesi ha deciso di creare uno spazio sicuro e il più vicino possibile all’habitat naturale di delfini e balene. 484mila metri quadrati destinato a balene e delfini.

Il santuario, che avrà un’estensione di oltre 480mila metri quadrati ed è pensato per ospitare fino a 8 Beluga (meglio noti come “balene bianche”) sorgerà a Sud di Port Hilford, nelle acque dell’Oceano Atlantico. L’obiettivo è quello di accogliere i primi cetacei già a partire dal 2023, se i gestori riusciranno ad ottenere tutti i permessi richiesti. 

“La creazione di questo santuario è il primo passo verso un mondo in cui tutti i cetacei siano trattati con rispetto e non siano più confinati nelle vasche di cemento dei parchi divertimento e degli acquari” spiega il team che sta portando avanti il progetto.

Noi ci auguriamo che un giorno non ci sia più bisogno di costruire santuari come questo e che tutti i cetacei (e non solo) del mondo siano lasciati in pace nei loro habitat com’è giusto che sia!

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonte: The Whale Sanctuary Project

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Media, comunicazione digitale e giornalismo all'Università La Sapienza, ha collaborato con Le guide di Repubblica e con alcune testate siciliane. Appassionata da sempre al mondo del benessere e del bio, dal 2020 scrive per GreenMe
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook