Non vorrai mai più salire su un elefante in Thailandia dopo aver visto queste immagini

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Teste sanguinanti e corpi stremati. Ancora una volta, dalla Thailandia, arrivano le immagini cruenti di un elefante sfruttato a scopi turistici. Ci raccomandiamo ancora: se vi recate in Thailandia non cavalcate questi animali per nessun motivo. Fermiamo questa tortura!

Non sono attrazioni turistiche, non sono giochi né passatempi divertenti, ma solo delle splendide e indifese creature, per di più  socievoli e intelligenti, che non meritano una cattiveria così grande.

Le nuove immagini, che si ritiene siano state scattate a Phuket, mostrano elefanti con orribili ferite sulla testa e sul corpo e sangue che cola, mentre vengono cavalcati da uomini che reggono canne di metallo affilate.

   

Le foto scioccanti, non le prime e ahinoi nemmeno le ultime, sono circolate in tutto il mondo tanto che hanno scioccato non solo i turisti ma anche – e finalmente – le autorità thailandesi, che ora chiedono ai vacanzieri di non supportare gli addestratori (chiamati mahouts).

Per favore, non cavalcare gli elefanti e non sostenere questa attività”.

elefanti asia

È il monito che vi ripetiamo anche noi ancora una volta e ricordate: gli elefanti non dimenticano mai e, se anche un accompagnatore giura che loro trattano gli elefanti in maniera “responsabile”, non fidatevi in alcun modo, non  è possibile!

Il processo utilizzato per addestrarli è sempre lo stesso, anche se sembra siano trattati con “gentilezza” e, di solito, non c’è nemmeno il modo di essere sicuri di cosa succeda quando noi turisti ce ne torniamo a casa.

Leggi anche:

Germana Carillo

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista, laurea con lode in Scienze Politiche, un master in Responsabilità ed etica di impresa e uno in Editing. Scrive per greenMe dal 2009. È volontaria Nati per Leggere in Campania.
Seguici su Instagram
Seguici su Facebook