Ibiza si ritrova invasa dalla zanzara tigre asiatica a causa del lockdown

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Ibiza è in questi giorni invasa non solo dalle specie più comuni di zanzara tigre ma anche dalla zanzara tigre asiatica (Aedes albopictus) che è molto più aggressiva dei suoi “cugini” europei e uno dei principali veicoli della malattia chikungunya. La colpa sarebbe del lockdown che ha impedito ad hotel, ville e piscine pubbliche e private di fare le consuete sanificazioni e disinfestazioni.

Come abbiamo visto più volte, il lockdown è stato particolarmente benefico per diverse specie animali che hanno potuto riconquistare i loro spazi e crescere in libertà, tra queste le api.

Una crescita esponenziale hanno avuto però anche altri insetti, decisamente meno utili e potenzialmente pericolosi in quanto veicolo di alcune malattie. Parliamo delle zanzara tigre asiatica che si è riprodotta a dismisura ad Ibiza. Secondo le fonti sanitarie locali, la popolazione di zanzare sull’isola è quattro volte più numerosa del normale.

Si tratta di zanzare molto aggressive che possono pungere anche attraverso indumenti e diffondere malattie come la dengue e la febbre gialla. Le uova impiegano dai 10 ai 12 giorni per schiudersi e prosperare in condizioni di umidità.

Gli esperti sostengono che questa crescita sia un’inaspettata conseguenza della pandemia di coronavirus, dovuta alle rigide regole di blocco che hanno costretto gli hotel, le ville e le piscine a chiudere e di conseguenza a rimandare di mesi i trattamenti di disinfezione dalle zanzare e la sanificazione e clorazione delle piscine.

Ora il dipartimento di gestione ambientale del consiglio di Ibiza ha chiesto la collaborazione di cittadini e gestori di strutture turistiche per mettere in funzione i sistemi di clorazione e purificazione delle piscine per evitare “un vero problema di salute pubblica”.

Al di là del problema zanzare, che si spera sarà presto sotto controllo, c’è ancora quello del coronavirus. Al momento, tutti i viaggiatori stranieri che arrivano in Spagna devono autoisolarsi per due settimane all’arrivo. Il primo ministro Pedro Sánchez ha affermato che le frontiere riapriranno ai turisti stranieri a luglio, aggiungendo che “i turisti stranieri possono iniziare a pianificare le proprie vacanze“.

Fonte di riferimento: Periódico de Ibiza / Mirror

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook