© Matthew Sharp

Granchi e gamberi sono “sessualmente” attratti da particelle inquinanti rilasciate dai rifiuti di plastica

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

In un recente studio, i paguri hanno mostrato di essere attratti da un additivo presente nei rifiuti di plastica. Si tratta dell’oleamide, un composto organico naturale usato come additivo nella lavorazione della plastica che, in alcuni animali marini ha effetto stimolante.

Quando la plastica finisce negli oceani, lentamente si degrada rilasciando innumerevoli sostanze in acqua, inclusa l’oleamide, noto feromone per alcune specie tra cui granchi, gamberi e gamberetti.

Leggi anche: Le microplastiche sono ormai presenti nel 90% degli ambienti marini protetti irlandesi. Lo studio.

Lo studio, portato avanti da un team dell’Università di Hull, ha scoperto che l’oleamide nei paguri causa un aumento della respirazione, indice di attrazione ed eccitazione. In pratica, l’oleamide funziona come un richiamo per l’accoppiamento o per la ricerca di cibo.

Come mai i paguri trovano attraente questo composto? Secondo i ricercatori, alla base di questo comportamento concorrono diverse cause, tra cui l’acidificazione delle acque. I cambiamenti di pH danneggiano l’olfatto degli animali marini e, se la capacità olfattiva è compromessa, è facile per loro confondere una sostanza con un altra.

La struttura dell’oleamide somiglia a quella dell’acido oleico. La presenza di questa sostanza potrebbe dunque indicare ai paguri la presenza di cibo, traendoli in inganno. Si tratta di un fenomeno che si verifica anche con altre sostanze rilasciate dalla plastica e per i paguri rappresenta un pericolo, poiché granchi, gamberi e altre specie potrebbero ingerire più facilmente rifiuti di plastica per errore.

La presenza di oleamide e di altri composti che attraggono gli animali marini possono inoltre interferire con la riproduzione, compromettendola.

Secondo i ricercatori, l’aumento dei rifiuti di plastica, unito all’acidificazione delle acque e all’aumento delle temperature sta avendo un impatto drammatico sugli animali marini e i risultati di questo nuovo studio non sono che l’ennesima conferma.

Seguici su Telegram | Instagram | Facebook | TikTok | Youtube

Fonti di riferimento: University of Hull

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Ènostra

“Libertà è autoproduzione”: con ènostra l’energia è rinnovabile, etica e sostenibile

Schär

Pasta madre senza glutine: tutto quello che devi sapere

Seguici su Instagram
Seguici su Facebook