Un giorno da cane randagio nelle strade di Mumbai (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Come si sopravvivere a una vita di strada? Siamo a Mumbai, una delle città più grandi del mondo. Un ambiente pericoloso e otile se sei un randagio. Un assaggio indimenticabile della lotta per la sopravvivenza – in ogni momento di ogni giorno – ce lo fornisce un toccante video dell’associazione di tutela degli animali locale World For All Animal Care & Adoptions.

Ecco cosa affronta un cane randagio ogni giorno nelle strade indiane. Caldo insopportabile, macchine che sfrecciano a tutta velocità, uomini che ti scacciano, che ti maltrattano, che ti tirano schiaffi, calci, secchiate di acqua, pallonate. Lotte con altri cani, difficoltà a trovare cibo e acqua. una vita di stenti, tra pericoli e paure.

Il protagonista del video è solo uno dei 250mila cani radangi che vivono a Mumbai. Per questo il lavoro dell’associazione è immenso, dalle adozioni ai salvataggi, passando per le sterilizzazioni. Nessun cane è rimasto realmente ferito nella realizzazione di questo video, ci tiene a precisare l’associazione, si tratta solo di video editing .

Ma le scene raffigurano le varie reali sfide che un cane di strada deve affrontare tutti i giorni in India. Per sensibilizzare la popolazione e le autorità e cercare di cambiare la situazione attuale, migliorando le vite dei randagi.

Roberta Ragni

Leggi anche:

L’incredibile salvataggio del cane coperto di catrame (VIDEO)

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook