Giornata mondiale degli squali, niente da festeggiare: sterminati da pesca illegale e inquinamento

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Oggi 14 luglio è la Giornata mondiale degli squali. Purtroppo tali creature sono gravemente minaciate dall’uomo, anche nel Mediterraneo. Qui numerose specie di squali e razze – alcune in pericolo critico di estinzione – sono regolarmente catturate in modo illegale da reti e palangari. Senza contare i rischi legati al marine littering e all’inquinamento prodotto dalla plastica.

Il Mediterraneo è uno dei peggiori mari al mondo nella tutela degli squali. A confermarlo è il WWF tramite le numerose segnalazioni ricevute dal un’iniziativa regionale di Citizen Science. Ed è così che in barba alla legge, tali animali diventano loro malgrado protagonisti di una mattanza, con ricadute pesanti sull’ecosistema marino. Squali e razze infatti sono indicatori fondamentali della salute degli oceani e i loro effetti ‘benefici’ sugli equilibri marini vanno dalla superficie ai fondali.

Il Progetto M.E.C.O (Mediterranean Elasmobranch Citizen Observation), un’iniziativa del Mediterraneo composta da “Citizen Scientists” locali, ha condiviso con il WWF foto e video raccolte negli ultimi anni in vari paesi tra cui Italia, Spagna, Francia,  Grecia, Croazia, Cipro, Turchia, Tunisia, Libia, Algeria e Marocco.

Immagini che non avremmo mai voluto vedere e che mostrano solo negli ultimi 3 anni pescatori intenti a catturare e sbarcare illegalmente specie protette di squalo e razza, inclusi squali angelo e grandi squali bianchi, tutte a rischio di estinzione. Oltre a  questi anche i palombi, specie diminuite del 90% nel Mediterraneo ma per le quali non esiste un adeguato sistema di segnalazione ufficiale.

In alcuni casi, com’è accaduto di recente a Catania, gli squali appartenenti a specie minacciate finiscono sui banchi dei mercati locali, ‘spacciate’ per pesce spada o altre specie più pregiate.

squali

© Joost van Uffelen _ WWF

Il Mediterraneo non è un mare per squali

Purtroppo il Mar Mediterraneo è un pessimo posto in cui vivere se si nasce squalo, come conferma il WWF. Praticamente tutti i paesi che vi si affacciano, Italia inclusa, prendono parte all’uccisione di queste preziose creature marine. Si registrano infatti sbarchi illegali di diavolo di mare (la mobula) in Algeria, Libia, Turchia e Spagna; il grande squalo bianco, lo squalo mako e lo squalo martello finiscono nei mercati di Marocco, Tunisia, Italia e Francia nonostante siano in grave pericolo di estinzione. Catture di specie meno conosciute – ma comunque in grave pericolo di estinzione – come l’altavela sono riportate in Grecia, Spagna, Libia e Turchia.

infografica mappa squali

©WWF

“Sapevamo che squali e razze erano pescati e sbarcati illegalmente nel Mediterraneo, ma queste segnalazioni forniscono ulteriore conferma di quanto il fenomeno sia diffuso in tutto il bacino e di come l’impatto riguardi un ampio numero di specie a rischio. È scioccante che   le leggi che proteggono squali e razze del Mediterraneo vengano continuamente infrante con poche, se non nulle, conseguenze, e che gli strumenti gia’ esistenti per migliorare la gestione della pesca non siano ancora usati efficacemente. L’estinzione anche di uno di questi predatori dal nostro mare sarebbe una tragica perdita per l’intero ecosistema marino”, ha detto Giulia Prato, biologa marina e Officer Mare del WWF Italia.

 

Il Mediterraneo, inoltre, è un vero paradiso di biodiversità per squali e razze ospitandone oltre 80 specie diverse, ma oltre la metà sono minacciate e alcune rischiano di estinguersi.

infografica mappa squali

WWF

 

Denuncia il WWF che, onostante la normativa vieti lo sbarco di specie protette di squalo e razza, il prelievo è controllato in modo molto approssimativo con divieti spesso ignorati.

“Ad oggi, nessuno stato mediterraneo – Italia inclusa – ha delineato in modo completo un piano nazionale per la conservazione, gestione e uso sostenibile a lungo termine di squali e razze. Non possiamo più aspettare”, conclude Giulia Prato.

Shark Awareness Day: oggi la maratona sui social

Per ribadire l’importanza degli squali, nel Mediterraneo e nel mondo, oggi in occasione della Shark Awareness Day sui suoi canali social Facebook Instagram, Twitter e Youtube  il WWF porterà avanti una speciale maratona in cui oltre a sfatare i miti sulla pericolosità di queste specie, suggerirà comportamenti a favore della loro tutela. Si potranno mettere alla prova le proprie conoscenze su queste specie grazie a un quiz, ma anche scoprire le novità tecnologiche per salvare queste specie e contribuire alla loro tutela.

Come aiutarli: il progetto Safesharks

In Italia il WWF sta collaborando con varie cooperative di pescatori, ONG e ricercatori nell’Adriatico meridionale per colmare la mancanza di informazioni sugli squali e le loro minacce. Grazie a speciali tag satellitari si sta monitorando la capacità di sopravvivenza degli animali catturati accidentalmente e rilasciati con metodiche appropriate. Entro il 2020, il WWF monitorerà con i tag satellitari altri 10 squali.

La speranza è che questi splendidi animali, molto spesso temuti, vengano invece difesi dal vero predatore: l’u0mo.

Fonti di riferimento: WWF

Leggi anche:

Strage di squali rarissimi e vulnerabili, catturati e uccisi da pescherecci a Taiwan

Ocean Ramsey: la modella biologa delle Hawaii che incanta gli squali (e si batte per loro)

Lo squalo bianco rischia l’estinzione (ed è colpa nostra)

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
ABenergie

Gas Green: quando il tuo gas compensa la C02 piantando alberi in Italia e nel mondo

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

Schär

Sei celiaco? Da Schär un test di prima autovalutazione dei sintomi da fare in pochi click

ABenergie

Smart working: come scegliere il tuo gestore di energia ora che lavori da casa

ABenergie

Quando la tua tariffa di luce e gas ti fa risparmiare e pianta gli alberi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook