World elephant day 2020: tre curiosità sugli elefanti che non ti aspetti

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Dal 2012, il 12 agosto di ogni anno si celebra il World elephant day, un evento internazionale che punta a sensibilizzare sull’importanza di tutelare e proteggere gli elefanti nel mondo.

Gli elefanti africani e quelli asiatici sono infatti considerati rispettivamente come “vulnerabili” e “in via di estinzione” e rientrano nelle liste delle specie selvatiche minacciate.

Le ragioni principali che stanno mettendo a rischio la sopravvivenza della specie sono sempre le stesse: la diminuzione di habitat, sottratto agli animali per fare posto alla nostra espansione, e il bracconaggio.

La giornata mondiale degli elefanti è dunque un’occasione per monitorare l’efficacia dei programmi di conservazione e per conoscere meglio questi splendidi animali, che dovremmo sforzarci di tutelare.

Non hanno paura dei topi

La credenza che gli elefanti abbiano paura dei topi è molto diffusa e radicata. Sebbene non si conoscano le origini di questa convinzione, sembra che ci accompagni da oltre 600 anni e, ancora oggi, l’immagine dell’elefante che scappa di fronte a un topolino è frequente in cartoni animati, libri e film.

Secondo gli scienziati però, si tratterebbe di una leggenda metropolitana ed è improbabile che gli elefanti temano i topi. Un elefante potrebbe al massimo essere infastidito da un animale che si muove velocemente, che si tratti di un topo, di un cane o di un gatto non fa differenza.

Ma temono le api

In diverse zone dell’Africa i raccolti sono spesso minacciati dagli elefanti che, a causa della perdita di habitat e della scarsità di risorse reperibili in natura, si avvicinano alle coltivazioni.

Questo è fonte di conflitto tra fauna selvatica ed esseri umani e spesso i contadini arrivano ad uccidere gli elefanti per proteggere il proprio raccolto.

Per tutelare la specie e garantire una convivenza pacifica tra pachidermi e agricoltori si è però trovata una soluzione abbastanza originale ed etica.

Gli elefanti temono le punture delle api, dunque per dissuaderli dal saccheggiare i raccolti si utilizzano questi preziosi insetti.

Il metodo è stato testato in Africa orientale e funziona: sistemare lungo i confini dei terreni alcuni alveari con colonie di api attive scoraggia gli elefanti ad avvicinarsi alle coltivazioni e a raccogliere frutta dagli alberi.

Celebrano i loro defunti

Gli elefanti celebrano la morte dei loro simili attraverso una serie di comportamenti simili a rituali. È stato spesso notato come questi grandi animali accarezzino il defunto con la proboscide, lo coprano con rami e foglie o, addirittura, lo trasportino nella foresta per seppellirlo.

Non è chiaro se creino dei veri e propri cimiteri tra gli alberi, ma non è raro che trovare resti di più elefanti in luoghi specifici.

Fonti di riferimento: Live Science/Plos One/IUCN – Elefante asiatico/IUCN – Elefante africano

Leggi anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Laureata in Scienze e Tecnologie Erboristiche, redattrice web dal 2013, ha pubblicato per Edizioni Età dell’Acquario "Saponi e cosmetici fai da te", "La Salvia tuttofare" e "La cipolla tuttofare".
Cristalfarma

Come gestire nel proprio piccolo disturbi d’ansia e stress di uno dei momenti storici più difficili

TryThis

L’app che ti fa divertire sfidando i tuoi amici anche durante il lockdown

Schär

Celiachia o sensibilità al glutine? Come ottenere una corretta diagnosi

ABenergie

Cosa fai dentro casa per risparmiare energia?

Tua fibra energia

Luce, gas e fibra tutto incluso e a prezzo fisso ogni mese, la nuova frontiera della bolletta unica

NaturaleBio

Cacao biologico naturale, in granella o in polvere: benefici e ricette per portarlo in tavola con gusto

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook