Il rarissimo gatto dorato fotografato per la prima volta in Tanzania

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Esistono gatti di molti colori ma probabilmente non sapete che in Africa esiste un raro felino conosciuto come gatto dorato il cui manto può essere brillante proprio come l’oro. Lo splendido esemplare è stato immortalato per la prima volta anche in Tanzania (zona in cui solitamente non si trova) grazie ad un progetto sulla biodiversità di ricerca tutto italiano.

Nell’ambito di una ricerca sulla biodiversità che aveva come scenario la foresta fluviale nord occidentale della Tanzania, al confine con l’Uganda, alcuni ricercatori coordinati dal Muse di Trento sono riusciti a scovare e riprendere il gatto dorato (Caracal aurata).

Questa specie si trova principalmente nel bacino del Congo ma alcune popolazioni risiedono lungo le coste dell’Africa occidentale e altre in Africa orientale. È presente ad esempio in Uganda mentre in Kenya sono più di 70 anni che mancano dati certi della sua presenza. Nonostante le molte segnalazioni non confermate, è la prima volta che viene ripreso in Tanzania.

Il Caracal aurata è un felino di medie dimensioni (i maschi possono arrivare a 30 centimetri di lunghezza e 14 kg di peso) raro e a rischio estinzione a causa delle battute di caccia e dalla distruzione del suo habitat naturale. È un agile cacciatore e va alla ricerca soprattutto di piccole antilopi per cibarsi.

Si tratta probabilmente dell’animale meno noto dell’Africa anche per il suo carattere particolarmente elusivo ma, grazie alla ricerca del Muse coordinata da Francesco Rovero, oggi è un diventato un po’ più famoso. Diversi esemplari di animali sono infatti stati fotografati in varie aree della foresta fluviale grazie all’installazione di 65 foto-trappole.

Come spiega il Muse

“Il nome tradisce il colore del manto, che è tuttavia estremamente variabile, dall’arancione intenso al tipicamente “dorato”, al grigio, al marrone scuro e perfino al nero di individui melanici”.

gatto dorato 1
gatto dorato2

I ricercatori sperano che i risultati della ricerca spingano le autorità della Tanzania a prendersi maggiormente cura della foresta. Infatti, anche se formalmente si tratta di una riserva (Riserva Naturale di Minziro), la zona è “pesantemente minacciata da caccia, allevamento, prelievo di legname e perfino dalla futura costruzione di un oleodotto”. Naturalmente a rimetterci sono gli animali.

 Leggi anche:

Francesca Biagioli

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Francesca Biagioli è una redattrice web che si occupa soprattutto di salute, alimentazione naturale, oli essenziali e fitoterapia, le sue passioni da sempre. Laureata in lettere moderne, con Master in editoria, ha poi virato le sue competenze verso il benessere olistico
Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook