Cuccioli di cani e gatti chiusi in una “game machine” per essere vinti come premi in Cina

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Alcuni gattini e altri cuccioli sono stati liberati dopo essere stati scoperti rinchiusi all’interno di un distributore, in cui venivano regalati come premi. La game machine, in cui gli animali erano costretti in spazi angusti e sottoposti a grandissimo stress, si trovava in un centro commerciale a Shanghai.

La denuncia è partita da una top model cinese di nome Ju Xiaowen, che ha condiviso il video della macchina “regala” gattini con i suoi circa tre milioni di follower su Weibo.

@Weibo

Mostrava la macchina da gioco dotata di gabbie, una delle quali conteneva tre gattini e un’altra con dei cagnolini. Dopo aver vinto a un gioco sullo schermo, i giocatori potevano ottenerli in regalo come premio.

Questo è bastato a scatenare un mare di critiche internazionali, tanto che la società dei distributori a premi ha dovuto rimuoverla velocemente dal centro commerciale, con tanto di scuse.

Gli animali, per fortuna, sono stati liberati e ora sono seguiti da veterinari per verificare lo stato di salute.

Tutti ora si augurano che non accada mai più (ma abbiamo i nostri dubbi a riguardo… fin quando i cuccioli saranno considerati come giocattoli, accadrà di nuovo, purtroppo).

Fonte: Dailymail

 

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Speciale Fukushima 10 anni

11 marzo 2011. 10 anni fa il terribile disastro di Fukushima, una lezione che non deve essere dimenticata

eBay

Pulizie di primavera: fai ordine in casa e nell’armadio vendendo online quello che non usi

Foodspring

Colazione proteica vegan per chi la mattina ha il tempo contato

NaturaleBio

ebay

Seguici su Instagram
seguici su Facebook