I meravigliosi gatti dell’Hermitage per difendere i quadri del museo dai roditori

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Perché i gatti vagano per le sale dell’Hermitage? il museo di San Pietroburgo è noto al grande pubblico per essere uno dei musei più grandi ed importanti del mondo, ma forse non tutti sanno che, sin dalla sua fondazione nel 1764, ha uno squadrone di 60 gatti per difendere i propri capolavori da ratti e roditori.

I gatti vivono qui quasi da quando esiste e sono ormai diventati una delle principali leggende, famosi quanto, se non di più, i reperti del complesso museale. Dall’epoca di Caterina II di Russia, l’Hermitage è stata la patria di centinaia di gatti.

C’è stato, però, un breve periodo della storia dell’Hermitage in cui i gatti sembravano introvabili. È accaduto durante la seconda guerra mondiale, quando San Pietroburgo, allora conosciuta come Leningrado, era assediata dai nazisti. Con la minaccia della distruzione da parte di Adolf Hitler, il personale predispose un piano per salvare capolavori del museo, mentre i gatti scomparvero uno per uno.

L’Hermitage di San Pietroburgo, da cui provengono le opere in marmo esposte fino al 4 ottobre a Palazzo Cucchiari, è noto…

Posted by Palazzo Cucchiari on Martedì 23 giugno 2015

Oggi i gatti sono tornati. Ne sono 60 e vengono nutriti e accuditi da volontari. Ciascuno dei felini da guardia dispone di un passaporto con tanto di foto. E il 28 marzo viene celebrata la “Giornata del gatto” dell’Hermitage, che fa parte degli avvenimenti più importanti del museo.

Roberta Ragni

Fonte e Photo Credit

Leggi anche:

I DIPINTI PIÙ FAMOSI DELL’ARTE “GATTA”: COSI’ PARLO’ ZARATHUSTRA. IL GATTO!

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Caporedattore di greenMe. Dopo una laurea e un master in traduzione, diventa giornalista ambientale. Ha vinto il premio giornalistico “Lidia Giordani”, autrice di “Mettici lo zampino. Tanti progetti fai da te per rendere felici i tuoi amici a 4 zampe” edito per Gribaudo - Feltrinelli Editore nel 2015.
Miomojo

Le borse vegan tutte italiane realizzate con “pelle di cactus” e scarti delle mele

Orto d’Autore

Come scegliere una marmellata buona e di qualità

Naturale Bio

Tè matcha per restare in forma: come introdurlo nella propria dieta

Misura

In arrivo più di 13mila nuovi alberi in Italia, dai calanchi di Matera all’agricoltura urbana di Milano

Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook