Centinaia di gamberi “mutanti” invadono un cimitero in Belgio

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una creatura capace di “clonarsi”, una specie molto invasiva che si riproduce per partogenesi e che è nata negli anni ’90 in laboratorio. E’ il gambero marmorizzato. E il cimitero cittadino di Anversa Schoonselhof è stato invaso da centinaia di queste creature, che hanno infestato pozze e ruscelli intorno ai terreni, rappresentando un pericolo per la biodiversità locale.

Secondo quanto riportato da The Brussel Times, i gamberi marmorizzati sono stati avvistati anche nella zona di Berchem ad Anversa e a Lovanio.

” Spesso le persone si stancano dei loro animali o la popolazione di gamberi marmorizzati diventa troppo grande a casa”, ha detto Kevin Scheers del Flemish Institute for Nature and Woodland Research (INBO). “Deve sembrare una buona idea lasciare liberi gli animali nella natura.

Il gambero marmorizzato (Procambarus virginalis) è una creatura che non esisteva in natura, ma si pensa che sia stato creato sperimentalmente da commercianti di animali domestici in Germania negli anni ’90.

Si tratta di una specie molto invasiva che si riproduce per partenogenesi, letteralmente si clona e che potrebbe soppiantare le specie presenti in natura. Il sequenziamento del DNA dell’animale indica che la specie sia probabilmente è il prodotto di due membri di una diversa specie di gambero, tra loro imparentati, come ha confermato uno studio pubblicato su Nature Ecology ed Evolution:

“Il lavoro sistematico sul campo e la genotipizzazione hanno dimostrato la rapida espansione dei gamberi marmorizzati in Madagascar e hanno stabilito che il gambero marmorizzato è un potente invasore degli ecosistemi di acqua dolce. Inoltre, il sequenziamento comparativo dell’intero genoma ha dimostrato la clonalità della popolazione e la loro identità genetica con lo stock più antico conosciuto dal commercio tedesco di acquari. Il nostro studio colma un’importante lacuna nell’analisi filogenetica dei genomi animali e scopre la storia evolutiva unica di una specie invasiva emergente” si legge nella ricerca.

Già bandito nell’Unione Europea e in alcune parti degli Stati Uniti per la minaccia che rappresenta per gli ecosistemi di acqua dolce, il gambero è molto diffuso in Madagascar e adesso anche in alcune zone europee come il Belgio.

Poiché un singolo esemplare può clonarsi e riprodursi in modo esponenziale, rappresenta una minaccia per l’ambiente locale. Il gambero mangia tutto ciò di cui riesce a impossessarsi ed è in grado di viaggiare fino a 2 km e scavare fino a una profondità di un metro.

” Il gambero marmorizzato misura circa 10 cm e di notte striscia sia nell’acqua che sulla terra”, ha detto Scheers. “È così che si spostano su altri canali e pozze.”

Per il momento, non esiste un modo semplice per sbarazzarsi della popolazione in crescita.

” In Spagna sono stati provati alcuni esperimenti con il veleno, ma questo non è consentito in Belgio”.

Nel 2014 l’Unione Europea ha introdotto un divieto totale di “possesso, commercio, trasporto, produzione e rilascio” della specie in natura. Tuttavia, poiché tutti gli esemplare della specie sono identici, sarebbe impossibile risalire alla provenienza di quelli trovati nei cimiteri del Belgio.

A dir poco inquietante.

Fonti di riferimento: Nature Ecology ed Evolution,,The Brussel Times

LEGGI anche:

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
eBay

Moda circolare: vendi le cose che non metti e adotta un comportamento sostenibile

eBay

Come scegliere il gazebo perfetto

NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook