Alaska: muoiono foche e trichechi. C’entra Fukushima?

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin

Una vera e propria moria di foche e trichechi sullo stretto di Bering, in Alaska. E la causa, indovinate un po’, potrebbe essere delle radiazioni connesse al . La National Oceanic and Atmospheric Administration ha trovato inusuale la cosa.

Le spedizioni effettuate in Alaska, da metà luglio, hanno portato alla luce oltre 60 animali morti e 75 trovati ammalati o con lesioni cutanee e perdita di peluria. Inoltre, gli scienziati, in collaborazione con l’US Fish and Wildlife Service hanno scoperto nel corso di un’indagine effettuata lo scorso autunno, che diversi trichechi riportavano piaghe lungo il corpo e perdita di peli a chiazze.

Gli studi scientifici fatti successivamente hanno però escluso la possibilità che possa trattarsi di un virus particolarmente percoloso. La causa dunque è da ricercare altrove. Gli scienziati infatti non sono riusciti a isolare una singola causa. Sui campioni di tessuto degli animali trovati morti sono stati effettuati diversi studi, ma tutti i risultati finora hanno dato esito negativo.

Morti, senza una spiegazione apparente. Ma continuano le ricerche. Altri campioni di tessuto saranno esaminati alla luce di diversi altri fattori tra cui i segni di malattie del sistema immunitario, funghi, tossine, sostanze contaminanti e soprattutto radiazioni. Alcune delle foche e trichechi avrebbero infatti i linfonodi sottodimensionati, forse il segno di un sistema immunitario indebolito. Tuttavia, i risultati di questi test non saranno disponibili per diverse settimane. Intanto la popolazione locale teme che tutte queste morti possano in qualche modo essere collegate alle radiazioni di Fukushima.

Gli scienziati che si stanno occupando delle indagini, però, lo ritengono improbabile, dato che i livelli di radiazioni rilevate in Alaska sono relativamente bassi. I test dell’acqua non hanno mostrato livelli elevati di radiazioni negli Stati Uniti, nelle acque del Pacifico dopo il terremoto e lo tsunami che lo scorso marzo hanno colpito il Giappone.

Ma se c’è davvero un legame tra le morti e Fukushima, non ci metteranno molto a scoprirlo visto che tra i test effettuati vi sono anche quelli per rintracciare la presenza di Cesio-134 e Cesio-137 che, sappiamo bene ormai, sono molto pericolosi.

Francesca Mancuso

Condividi su Whatsapp Condividi su Linkedin
Giornalista pubblicista specializzata in Editoria, Comunicazione Multimediale e Giornalismo. Nel 2011 ha vinto il Premio Caro Direttore e nel 2013 ha vinto il premio Giornalisti nell’Erba grazie all’intervista a Luca Parmitano.
Mediterranea

Olio di oliva e materie prime a km0: come nasce una crema Mediterranea

Misura

“A Misura di verde”: al via il progetto che pianterà oltre 13mila alberi in Italia per combattere i cambiamenti climatici

Terranova integratori

Come rafforzare il sistema immunitario prima dell’inverno

Schär

Schär Bio, il gluten free biologico che ha contribuito a far nascere una foresta

Famas

Arriva la fibra di basalto per un isolamento performante

Cristalfarma
NaturaleBio
Seguici su Instagram
seguici su Facebook